Frutta nelle scuole
Foto: Frutta nelle scuole // Agrifruit

Frutta nelle scuole: dov’è il made in Italy?

in Controcolture di

Si chiama “Frutta nelle scuole” e punta ad implementare il consumo giovanile di frutta e verdura introducendo i bambini delle scuole primarie ai concetti di territorio, sostenibilità, stagionalità e biologico. Promosso dai regolamenti comunitari n.1234 e n.288, in Italia registra la collaborazione dei ministeri dell’Istruzione, della Salute e delle Politiche agricole. Quest’ultimo attraverso il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia (Crea). E intanto le Regioni si lamentano dei ritardi.

“Frutta nelle scuole” è un programma che prevede una corretta e puntuale informazione rivolta a genitori e insegnanti, la creazione di orti scolastici – tramite laboratori di educazione alimentare tenuti dai ricercatori del Crea – e visite guidate a fattorie didattiche. Il tutto, incentivando il consumo di frutta genuina tra i bambini di età compresa tra i sei e gli undici anni. Per consentire loro di sviluppare la conoscenza di prodotti naturali diversi in varietà e tipologia, per potersi orientare fra le continue pressioni pubblicitarie e sviluppare, al contempo, una capacità di scelta consapevole. In teoria, per realizzare un rapporto più stretto tra produttore locale e consumatore privilegiando prodotti stagionali di qualità certificati – Dop, Igpbiologici – od ottenuti con metodi di produzione integrata e certificata che dovrebbero comprovare la loro origine comunitaria al 100 per cento. Così come del resto riportano le linee guida dello stesso progetto.

Ma la realtà è diversa. E spesso, in Italia, si riesce a rovinare anche una lodevole iniziativa come questa. Tra ritardi ministeriali e poca trasparenza nello svolgimento delle gare, la distribuzione di frutta e ortaggi freschi nelle scuole al posto di merendine e snack ipercalorici, ha solo valenza educativa sulla carta. E nulla più. Il progetto – che era già balzato agli onori della cronaca giudiziaria nel lontano 2012 per una serie di appalti truccati relativi a gare per fornitura della frutta e indette dal ministero delle Politiche agricole – quest’anno si è rivelato deficitario e fallimentare per la presenza, durante la distribuzione in quasi tutto il territorio nazionale, di criticità peraltro già evidenziate nelle due annate precedenti. La stagionalità è stata sostituita dalla presenza di frutta fuori stagione, spesso acerba, troppo matura, di provenienza estera. Addirittura ammuffita o fatta maturare in modo artificiale nelle celle frigorifere con la presenza evidente di conservanti. Uva spagnola a Cecina come due anni fa, agrumi immangiabili a Vicenza, albicocche ammuffite provenienti dalla Spagna in Emilia Romagna – di pessima qualità rispetto al prodotto locale – sino alle ciliegie verdi ammuffite distribuite in una scuola primaria di Casamassima, in provincia di Bari. Comune che fa parte di un territorio dove è presente oltre la metà della produzione cerasicola italiana. Tra la frutta distribuita, nessuna traccia di produzioni di qualità italiane e neanche di una certificazione etica o biologica. Che restano solo sulla carta del progetto o nelle belle parole degli slogan ministeriali.

Sarebbe opportuno che il Governo rivedesse il sistema delle gare di appalto per le forniture, che di regola dovrebbe svolgersi a livello regionale coinvolgendo i produttori locali. Evitando, in tal modo, enormi sprechi di denaro pubblico per un pessimo servizio. E concentrando l’attenzione, così come previsto dallo stesso programma europeo, sui prodotti locali di qualità che possano essere suscettibili di maggiori controlli. Dop e Igp, dunque, meglio ancora se biologici. Tutto questo, nel rispetto della nostra economia, delle nostre biodiversità e, soprattutto, della salute dei nostri bambini.

Lascia un commento

Your email address will not be published.