• DSC_0544.jpg
  • DSC_0542.jpg
  • DSC_0539.jpg
  • DSC_0535.jpg
  • DSC_0529.jpg
  • DSC_0527-2.jpg
  • DSC_0523-2.jpg
  • DSC_0501-2.jpg
  • DSC_0501.jpg
  • DSC_0502.jpg
  • DSC_0507.jpg
  • DSC_0508-2.jpg
  • DSC_0514.jpg
  • DSC_0521.jpg
  • DSC_0495.jpg
  • DSC_0170.jpg
  • DSC_0166.jpg
  • DSC_0162.jpg
  • DSC_0154.jpg
  • DSC_0154-2.jpg
  • DSC_0148.jpg
  • DSC_0148-2.jpg
  • DSC_0136.jpg
  • DSC_0135.jpg
  • DSC_0144.jpg
  • DSC_0143.jpg
  • DSC_0134.jpg
  • DSC_0133.jpg
  • DSC_0141.jpg
  • DSC_0139.jpg
  • DSC_0131.jpg
  • DSC_0128.jpg
  • DSC_0138.jpg
  • DSC_0137.jpg

I Riti Settennali di Guardia Sanframondi

in Fotoreportage di

A Guardia Sanframonti, in provincia di Benevento, ogni sette anni – a partire dal primo lunedì dopo Ferragosto, fino alla domenica seguente – vanno di scena i Riti Settennali di penitenza in onore della Madonna dell’Assunta, che richiamano a raccolta fedeli e curiosi da tutto il mondo. Quest’anno, per la processione finale del 27 agosto, le presenze sono state novantamila.

I “battenti” si percuotono il petto con una spugna di sughero cosparsa di spilli e imbevuta di vino bianco. I flagellanti si frustano con delle lunghe catene di piastre. I devoti, vestiti di bianco e incappucciati per conservare l’anonimato, si consegnano alla Vergine.
Nonostante i dolori, il sangue perso, il caldo torrido, qualcosa sostiene i “battenti” durante il tragitto per le strette e inerpicate vie del paese. L’intera identità di questa gente passa per un patto sacro: appartengono alla Vergine, così come la Vergine appartiene a loro.
I confini del semplice “paese” si spezzano. Ci si riconosce semplicemente come fratelli. E alla fine, ancor più del rito in sé, a lasciare senza parole è il rendersi conto della forza dell’animo umano di fronte ad una tradizione e alla fede.

Photoreporter. Si interessa di ambiente, sociale e folklore. Sempre alla ricerca di una nuova storia da raccontare attraverso i suoi scatti.

Lascia un commento

Your email address will not be published.