Pale eoliche in Basilicata
Foto: pale eoliche in Basilicata // Pellegrino Tarantino

Sen, il governo cede alla lobby dell’eolico

in Orientamenti di

Nove associazioni ambientaliste: “Con la nuova Sen, il Governo annuncia bollette elettriche ancora più care, sacrifica all’eolico nuovi preziosi territori e non persegue azioni efficaci contro i gas serra.”

Cedendo ancora una volta alle pressioni delle lobby dell’eolico, la Strategia energetica nazionale (Sen) messa a punto dal Governo prepara ulteriori rincari della bolletta elettrica a danno di famiglie e imprese e una nuova ondata di devastazione del paesaggio e della biodiversità.
Inoltre, scegliendo di favorire le fonti rinnovabili elettriche intermittenti come strumento prevalente per il contenimento delle emissioni di gas serra, il governo rinuncia ad incrementare azioni più efficaci, relativamente meno costose e più appropriate per il nostro Paese, come la promozione dell’efficienza energetica, delle rinnovabili termiche e della mobilità sostenibile.

Le associazioni ambientaliste Altura, Amici della Terra, Comitato per la bellezza, Comitato nazionale per il paesaggio, Federazione nazionale Pro Natura, Italia Nostra, Lipu Birdlife Italia, Mountain Wilderness e Wilderness Italia hanno inviato un documento comune di osservazioni alla Sen al presidente del Consiglio dei ministri, Paolo Gentiloni e ai ministri interessati (Sviluppo economico, Ambiente, Economia e Finanze, Beni e Attività Culturali, Politiche Agricole e Forestali) per denunciare che “l’aumento dell’obiettivo delle rinnovabili elettriche dall’odierno 33–34 per cento al 48–50 per cento senza che sia posto alcun limite alle tecnologie, come l’eolico o il mini-idro, che comportano consumo del territorio e danno al paesaggio e alla biodiversità, comporterà il sacrificio di ulteriori territori fra i più belli e delicati del nostro Paese nel tentativo di conseguire nel breve arco di pochi anni un incremento di 15 punti percentuali di contributo rinnovabile nel solo comparto elettrico che si tradurrà in appena il 4 per cento di contributo sul fabbisogno energetico complessivo.

Le associazioni sottolineano che “lo sforzo finanziario titanico – e la relativa speculazione – pro rinnovabili elettriche degli ultimi anni è stato alla base dell’incremento del 20 per cento del costo dell’energia in bolletta. Quegli incentivi, già garantiti, alle rinnovabili solo elettriche già installate costeranno, alla fine, oltre 200 miliardi. Pari a cinquanta anni di intervento straordinario nel Mezzogiorno (fonte Nomisma).
Su questi risultati pesa la delocalizzazione all’estero di produzioni industriali energivore e relative – maggiori – emissioni di gas serra. Ora, l’attuale sforzo non può essere pressoché raddoppiato senza alcuna preventiva valutazione territoriale, ambientale, paesaggistica ed economica.

Le associazioni ritengono che una ulteriore crescita di contributo rinnovabile al comparto elettrico possa avvenire solamente attraverso tecnologie come il fotovoltaico capaci di integrarsi nei tessuti già urbanizzati ma privi di significato storico e architettonico e che la crescita degli obiettivi di riduzione dei gas serra debba essere perseguita con convinzione ma nel rispetto della sostenibilità ambientale del nostro territorio che con i suoi celebrati paesaggi rurali, con la natura, con le ricchezze storico archeologiche, con i suoi equilibri agro-pastorali, rappresenta un bene limitato, prezioso e irrinunciabile.

(*) di Stefano Allavena, presidente di Altura; Monica Tommasi, presidente di Amici della Terra; Vittorio Emiliani, presidente del Comitato per la bellezza; Gianluigi Ciamarra, direttore del Comitato nazionale per il paesaggio; Mauro Furlani, presidente della Federazione nazionale Pro Natura; Oreste Rutigliano, presidente di Italia Nostra; Fulvio Mamone Capria, presidente di Lipu Birdlife Italia; Franco Tessadri, presidente di Mountain Wilderness; Franco Zunino, segretario generale di Wilderness Italia

Lascia un commento

Your email address will not be published.