/

La generazione delle macerie

Esattamente 40 lunghissimi anni fa, il 23 novembre 1980, alle ore 19:34, per un minuto e mezzo, un terremoto di magnitudo 6.9 ha sconvolto l’Irpinia e la Basilicata: 2.914 morti, 8.848 feriti, 280.000 sfollati. Oggi – accanto al ricordo doloroso ed eterno dei nostri nonni e dei nostri genitori –…

Leggi tutto

Focus

/

Irpinia 1980-2020: al via la rassegna «Trema ancora»

Cinque webinar tematici sul terremoto dell’Irpinia dal 19 al 22 novembre. Dal 19 al 22 novembre 2020 la Provincia di Avellino, con la collaborazione scientifica dell’associazione culturale Ossopensante, promuove la rassegna «Trema ancora», inserita nel programma “Terremoto dell’Irpinia, 40 anni dopo”, organizzato in collaborazione con il Consorzio Cirpu, la Comunità Montana Alta…

/

Diritti d’uso civico: tutela paesaggistica, governo del territorio e ricadute in ambito edilizio-urbanistico

Gli usi civici rappresentano una materia molto dibattuta, solo in alcuni casi volutamente trascurata, con notevoli ricadute sulla società civile per le inevitabili ripercussioni sulla pianificazione comunale, provinciale, regionale, nonché nei trasferimenti dei terreni gravati da diritti d’uso civico e nel loro incauto utilizzo anche per fini edificatori. Gli usi civici, ma…

/

Salvataggio ex-Ilva, Comune e Regione dicano da che parte stanno

Nonostante regni il silenzio sulla questione dell’ex Ilva, in realtà sono ore frenetiche per il governo Conte per cercare di trovare una quadra nel segno della continuità produttiva. Mentre a Taranto si cerca di edulcorare l’ennesima amara pillola con i progetti del Cantiere Taranto la partita, prima ancora che a Roma, si…

/

Vajont 1963-2020, il fardello del ricordo dopo 57 anni

«Inizia l’ultimo giorno. Il 9 ottobre è una stupenda giornata di sole. Di questa stagione la montagna è splendida, rifulge di caldi colori autunnali. La gente di Casso va e viene ancora dal Toc, portando via dalle case e dagli stavoli più cose possibili. Ma altra gente non vuole abbandonare le case…

Storie di comunità

I partigiani del suolo e le ragioni per difenderlo

Il suolo impiega circa 2.000 anni per formare appena 10 centimetri del suo spessore. Nel 2018 in Italia 51 chilometri quadrati di territorio sono stati interessati da coperture artificiali, un consumo di suolo che vanta una media di 14 ettari al giorno, 2 metri quadrati al secondo in un solo anno. Il suolo è uno dei più efficaci regolatori dell’emissione e dell’assorbimento di gas serra: le sole aree umide del pianeta trattengono circa il 20 per cento (850 miliardi di tonnellate) di tutto il carbonio terrestre stoccato nel suolo, ossia una quantità pari a quella contenuta in atmosfera e sotto…

La post-verità ai tempi del Climate change

Nell’ottobre del 2019 un tribunale di New York ha portato alla sbarra la ExxonMobil – poi assolta – con l’accusa di aver ingannato gli azionisti proponendo una contabilità fasulla, pare con “libri paralleli”, relativa ai rischi di business legati all’effetto serra. Non per disastro ambientale, non per danni irreversibili alla natura, non per inquinamento prolungati ai danni dell’umanità, pur essendo a conoscenza degli effetti della CO₂ almeno dal 1977. E la ExxonMobil non sarebbe la sola. Il tema del surriscaldamento climatico non rappresenta una novità. L’idea che l’atmosfera agisca «come le finestre di una casa riscaldata» risale addirittura al 1827,…

La lezione del volontariato dall’Irpinia del 1980 al Covid-19

Quest’anno, in occasione del quarantesimo anniversario del terremoto che il 23 novembre 1980 colpì Campania e Basilicata, a riemergere non saranno solo i ricordi di chi visse il momento della scossa, delle persone scomparse e del ritardo dei soccorsi, ma il contributo dei volontari che dopo il sisma arrivarono nelle zone terremotate. Quando il valore della solidarietà nelle emergenze è tesoro inestimabile. Una collega che insegna come me in un istituto tecnico di Arezzo mi ha raccontato che, durante il lockdown, un suo studente è andato in giro con la Croce Rossa a consegnare la spesa o i farmaci a…

Coronavirus in Basilicata, tutelare la salute dei migranti

Libera, Anpi e Uds scrivono ai prefetti di Potenza e Matera, al presidente della Giunta regionale e all’assessore all’Agricoltura della Regione Basilicata. Le condizioni dei lavoratori stranieri impiegati in agricoltura, nella Regione Basilicata, in particolare nel Vulture-Alto Bradano e nel Metapontino, sono molto spesso gravissime. I luoghi in cui sono costretti a vivere sono insalubri e indecenti. Il rischio che il Covid-19 arrivi in quegli aggregati, tramutandoli in focolai della pandemia, è motivo di fondata apprensione. Per questo, Libera – Associazione nomi e numeri contro le mafie, l’ANPI e l’UDS, chiedono tutele reali. Non si deve lasciare indietro nessuno, meno…

Assalto al territorio per la realizzazione di mega impianti fotovoltaici

Ed una maestosa stazione elettrica: il caso dell’Agrienergy in agro di Spinazzola e Minervino. L’aspra vicenda del fotovoltaico in area agricola ha sempre sollevato svariate critiche sin dall’emanazione del decreto legislativo n.387/2003 (Attuazione della direttiva 2001/77/CE relativa alla promozione dell’energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell’elettricità) che prevedeva all’articolo 12, comma 4, la possibilità di ricorrere a pretestuose procedure espropriative anche per quelle superfici agricole che sarebbero state occupate da dissennate distese di pannelli fotovoltaici anche ricorrendo alla suggestiva tecnologia dell’inseguimento solare. A più riprese si è cercato di segnalare l’abuso che veniva commesso tramite una…

Valutazione d’impatto ambientale: Commissione europea avvia procedura di infrazione

La Commissione europea, con lettera di costituzione in mora n.2019/2308, ha affermato la «non conformità della legislazione italiana con la direttiva 2014/52/UE che modifica la direttiva 2011/92/UE concernente la valutazione dell’impatto ambientale di determinati progetti pubblici e private», invitando l’Italia al corretto adeguamento della propria normativa interna in materia. Come si ricorderà, la direttiva n.2014/52/UE ha integrato e modificato la direttiva n.2011/92/UE sulla Valutazione di impatto ambientale (Via). Nonostante reiterate e argomentate osservazioni inviate a Governo, Camera dei deputati e Senato da parte di associazioni e comitati ambientalisti, purtroppo il decreto legislativo n.104 del 16 giugno 2017 venne emanato con…

Sardegna, ecco il nuovo (quasi completo) inventario regionale delle terre civiche

Dopo molti anni di lavoro, azioni legali e sensibilizzazione condotte dall’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico, sta giungendo a positiva conclusione l’operazione di accertamento dei demani civici presenti nel territorio isolano da parte dell’Agenzia Argea Sardegna, delegata in materia dalla Regione autonoma della Sardegna. Il 92 per cento dei comuni sardi ha terreni ad uso civico. È nuovamente consultabile l’Inventario regionale delle Terre civiche, il documento fondamentale, di natura ricognitiva, per la conoscibilità dei terreni appartenenti ai demani civici in Sardegna. Secondo quanto oggetto di provvedimenti di accertamento da parte dell’Agenzia Argea Sardegna, risultano terreni a uso civico in 339 comuni…

Un anno dalla frana di Pomarico. La lettera di Margherita: «Sono ancora una sfollata?»

Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta di Margherita, una studentessa ventitreenne di Pomarico, un piccolo paese in provincia di Matera, in Basilicata che – il 29 gennaio 2019 – è stato sconvolto da una frana che ha avuto effetti disastrosi su una parte del centro storico, compresa la quotidianità e la vita della famiglia di Margherita. «Ogni giorno ti svegli in un letto che non è il tuo, fai colazione senza poter ammirare lo splendido paesaggio che vedevi dalla tua finestra. Ogni giorno cercare quello che ti serve in una casa che non è la tua, è una sfida emotiva:…

Questo sito utilizza Cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Privacy Policy