indietro

Articolo tratto da “Airone Basilicata” del

NOVEMBRE 2000 Supplemento allegato al n.235 di AIRONE

Inchiesta la Val d’Agri e il petrolio  

L’ORO NERO

A Viggiano oggi si producono 9.000 barili al giorno. Tra due anni saranno 104.000. Una grande risorsa che non trova tutti concordi

Dl STEFANO ARDITO

Texas e deserto d’Arabia, Mare del Nord e Alaska. Per i non addetti ai lavori la geografia del petrolio sembra immutata da sempre. Da quattro anni e mezzo, invece, una piccola parte del fabbisogno nazionale di “oro nero” viene dalla Basilicata, dalle montagne della Val d’Agri. Ci sono voluti quindici anni, dal 1981 al 1996, per passare dalle prime ricerche all’estrazione.

A tutt’oggi sono stati completati 20 pozzi, e dai 4 già in attività si estraggono circa 9.000 barili di petrolio al giorno. Tra due anni, quando il Centro Olio di Viggiano lavorerà a pieno ritmo, si arriverà a produrne 104.000, pari a circa il 6 per cento del fabbisogno nazionale.

Quando si parla di petrolio occorre avere una prospettiva globale. “Nei giacimenti della Basilicata hanno quote di partecipazione anche i francesi della Total-Fina-Elf, gli americani della Exxon-Mobil e i britannici della Enterprise Oil”, spiega Gianfranco Amici, l'ingegnere dell’Eni (Ente nazionale idrocarburi) responsabile delle attività estrattive in Val d’Agri. “Oggi nei rapporti con la Regione e i Comuni rappresentiamo pure i partner stranieri. Per la ricerca esplorativa abbiamo speso, noi soli, più di 1.500 miliardi”.

Ma anche la prospettiva locale è importante. Visto su una scala pianetaria, il petrolio della Val d’Agri non costituisce un ritrovamento straordinario. Nella regione più piccola (600.000 abitanti) del Mezzogiorno c’è però chi lo ritiene un vero e proprio miracolo. O la terza tappa di un unico prodigio economico - le prime due essendo la Fiat di Melfi e l’industria dei divani di Matera - che consentirà a questa terra di uscire da un'arretratezza secolare.

“Quando si parla di petrolio, si rischia un'euforia eccessiva”, mette in guardia Filippo Bubbico, presidente della Regione Basilicata dallo scorso aprile. Nella legislatura precedente era assessore all’Ambiente ed è stato il protagonista della trattativa con l’Eni. Gli elettori, evidentemente, hanno apprezzato ciò che ha fatto. E puntualizza: “La prima ri­chiesta da parte dell'opinione pubblica è stata di abbassare il prezzo della benzina. Abbiamo risposto di no, poi ci siamo impegnati in due anni di trattative. Il protocollo tra la Regione e l’Eni, firmato nel novembre 1998, è un esempio di federalismo in azione. Avevamo la possibilità di negoziare e lo abbiamo fatto, ottenendo dei risultati".  

CRESCITA A MACCHIA D’OLIO

Nei vent’anni di vita del giacimento, la Basilicata dovrebbe incassare sotto forma di royalties tra i 1.500 e i 2.000 miliardi: una cifra che il decollo del prezzo del greggio potrebbe far ulteriormente aumentare e che verrà suddivisa tra la Regione e i 29 Comuni interessati dai giacimenti.

Oltre all’investimento finanziario, l’Eni si è impegnata a creare una rete di monitoraggio ambientale, a investire nella formazione professionale, a finanziare la metanizzazione della regione. E a pagare rimboschimenti e altri interventi di ripristino ambientale del territorio una volta che i pozzi si saranno esauriti. Sono state, inoltre, concordate con la Soprintendenza ai Beni Archeologici le modalità per il recupero di eventuali reperti che dovessero essere portati alla luce dagli scavi per la presa delle condotte.

Di fronte a ciò, la Val d’Agri ha sicuramente pagato un prezzo. Il Centro Olio oggi in funzione è sorto nel fondovalle, nel territorio di Viggiano. Accanto a esso sta crescendo una struttura più grande che entrerà in attività, in tre tappe, fra la metà del 2001 e la fine del 2002. Circa 200 chilometri di condutture collegheranno i 42 pozzi al Centro Olio. Un oleodotto di 136 chilometri porterà il greggio dalla Basilicata alle raffinerie e al porto di Taranto. Chi finora è rimasto ai margini vuole far parte dell’affare. “Il petrolio è la nostra risorsa più importante. Vogliamo che anche il nostro Centro Olio entri in funzione al più presto”, spiega Rosaria Vicino, sindaco di Corleto Perticara, il paese della Valle del Sauro dov’è stato individuato il nuovo giacimento di Tempa Rossa.  

UNA VALLE DA PROTEGGERE

Secondo altri, però, la corsa al petrolio è stata una iattura per questa terra. “La scoperta dell’oro nero ha bloccato l’iter istitutivo del Parco nazionale della Val d’Agri”, ricorda Albano Garramone, presidente del Wwf Basilicata. “Quattro autobotti piene di greggio si sono rovesciate causando gravi danni all’ambiente. L’intera Val d’Agri è a rischio sismico. Vari pozzi sono stati aperti in aree Sic (Siti di importanza comunitaria) di cui l’Unione Europea impone all'Italia la tutela”, aggiunge Luigi Agresti, segretario dell’associazione. “Il petrolio, probabilmente, c’è anche nel Parco nazionale del Pollino”, accusa Antonio Bavusi, rappresentante degli ambientalisti nel consiglio dell’Ente Parco. “Lì però il parco ha impedito ogni ricerca e il Tar ha approvato. Lo stesso dovrebbe avvenire in Val d’Agri, che è un Parco nazionale ancora in via d’istituzione”.

Visitando il cantiere del nuovo Centro Olio, le cose appaiono in una prospettiva diversa. Dei 1.200 operai impegnati nei lavori, un terzo proviene dai 29 Comuni della Val d’Agri. “Centinaia di persone imparano come si lavora in un cantiere moderno, ad alta tecnologia e in sicurezza. Per il Sud questa e un’occasione straordinaria”, dice Carlo Femiani, responsabile del cantiere. Il quale non ha dubbi nemmeno sui rischi connessi all’estrazione. “L’Eni lavora da anni in Paesi a rischio sismico, come l’Iran, e tutti gli impianti sono in grado di resistere ai terremoti. Il trasporto con le autobotti verrà progressivamente eliminato quando l’impianto entrerà a regime. Nel Centro Olio e nei pozzi, sistemi automatici bloccheranno ogni attività in caso di problemi".

A guardarlo da Viggiano, il Centro Olio appare al profano come un mostro un po’ troppo vicino. Vittorio Prinzi, sindaco in carica fin dalla scoperta del petrolio, distribuisce parole di saggezza. “È vero, a volte arriva un po’ di puzza: ma le vecchie fabbriche di concimi puzzavano molto di più. Certo, quando il cantiere sarà completato tanti posti di lavoro svaniranno: ma l’energia a buon mercato ci consentirà di far insediare in Val d’Agri altre industrie. Vogliamo che il Parco nasca, ma sappiamo che non potrà produrre posti di lavoro sufficienti. Quanto ai rischi per l’ambiente, ci sembra che gli strumenti per controllarli esistano”.

Federalismo, sviluppo compatibile, formazione. In un mondo che ha ancora sete di petrolio (e in un’Italia un po’ troppo innamorata degli slogan), il petrolio della Val d’Agri può essere una risorsa, e una bella lezione di concretezza.

Torna a informazione giornali

Torna a Lucani: Popolo in via di estinzione