PETROLIO

Sfatiamo un mito: non è vero che l’unico grande giacimento in Italia è in Lucania.

Semplicemente, per l’ENI è più facile estrarre il petrolio in Lucania che in altre regioni.

La Lucania è il sogno di ogni petroliere: tranquilla, poco antropizzata (“rischio minimo” non perdono occasione di ripeterci;  naturalmente scordano di precisare che il rischio minimo è per loro non per noi), ettari e ettari senza nessuno, una classe politica ed imprenditoriale che non ha mai conosciuto le multinazionali, un popolo rassegnato e credulone pronto a credere alla buona fatina ENI che regala  progresso e prosperità.

Nelle altre regioni è conservato il petrolio strategico per quando il greggio scarseggerà anche per gli sceicchi e oggi si prendono quello lucano, quando costa meno e con minori investimenti per la sicurezza ambientale.

Purtroppo la nostra storia non può essere completa perché tutto è avvolto nel mistero e le uniche informazioni  che abbiamo sono quelle che l’ENI e soci vogliono che noi conosciamo, né la stampa locale e nazionale va oltre le veline che passano loro i signori del petrolio; troppo spesso ci troviamo di fronte ad opere già realizzate senza essere neanche stati informati che c’era un progetto e con le autorità locali e regionali che assecondano l’insolito e particolare clima di riservatezza che circonda le estrazioni degli idrocarburi. Addirittura il Sindaco di Calvello a precise richieste fatte da associazioni ambientaliste ha risposto di chiedere all’ENI e l’ENI, da parte sua, benché al suo legale rappresentante sia stato ricordato che, come dice F. Bacone,  “ Nulla v’è che induca l’uomo a molto sospettare, quanto il poco conoscere”, ha preferito farci sospettare piuttosto che far conoscere i suoi programmi.

Se qualcuno conosce fatti, documenti, eventi ulteriori sarà con grande piacere da noi ospitato: noi vogliamo informare e desideriamo, ancora di più, essere informati.

VelENI

 

OIL STORY AL 31/12/2000

Tutto comincia nel 1902 a Tramutola con la perforazione del primo pozzo di petrolio.

Una prima fase di coltivazione si sviluppa tra il 1939/1953 ma, per le mutate condizioni internazionali  e la conseguente caduta del prezzo del barile a pochi dollari, l’AGIP chiude questa fase con l’ultimo pozzo (sterile) sempre a Tramutola.

L’aumento del prezzo del petrolio (dai 7,2 dollari per barile nel 1970 ai 27,8 del 1974) e lo sviluppo tecnologico inducono l’AGIP ad intraprendere tra il 1975 e il 1985 una nuova campagna di ricerca che individua nel sottosuolo della Val D’Agri giacimenti, a loro dire, tra i più rilevanti d’Europa e di avviare la fase di sfruttamento nella quale si sono aggregate anche altre compagnie petrolifere (Enterprise, Mobil).

Nel 1984, ai confini tra il territorio di Viggiano e quello di Calvello è individuata l’aerea di produzione denominata Caldarosa ed è aperto il pozzo Caldarosa 1.  Non è Val D’Agri, ma monte di Viggiano e Monte Volturino, ma nessuno ha interesse ad informare che i pozzi cominciano a perforarsi in alta montagna, tra boschi incontaminati, sorgenti e siti protetti. E’ la stessa area che è stata indicata tra le aree protette con la legge 394/91 sulle quali sarà istituito il parco nazionale della Val D’Agri-Lagonegrese.  E’ inevitabile che la storia del parco, la sua istituzione e la sua perimetrazione, siano pesantemente condizionati dagli interessi petroliferi, tanto che più si estende l’area ENI e più si riduce l’area parco, area che sembra  fuggire e ritrarsi sempre di più mentre avanza l’oro nero.

cane ridens

La Basilicata è la prima regione italiana  per numero di permessi di ricerca (23) e concessioni di coltivazioni di idrocarburi (27) e 702.536 ettari del territorio lucano, pari al 70,3% dell’intera regione, è interessato dalle attività di  esplorazione e coltivazione di idrocarburi.

Quando si parla di Val d’Agri si fa riferimento a una quindicina di permessi di ricerca e a  6 concessioni di coltivazione.  Le concessioni che interessano l’alta montagna sono soprattutto quella di Caldarosa e Costa Molina (decreto ministeriale 27.10.1998) e quella del Volturino (decreto ministeriale del 23.12.1993).

Una più approfondita visione delle concessioni e  delle stime delle riserve petrolifere può aversi leggendo le pubblicazioni di Greenpeace del giugno 1998, di Legambiente del l’ottobre 1998 e Raffaella Liccione "Petrolio in Basilicata: opportunità e rischi".

Dalla Val D’Agri, per il periodo 2000-2005, è prevista una produzione media di 4,8 milioni di tonnellate annue di petrolio, con il raddoppio della produzione nazionale e la copertura dell’11% del fabbisogno. I due bacini, Val d'Agri e Val Camastra, hanno riserve, secondo i dati forniti da ENI, di circa 900 milioni di barili. Questo è quanto ci hanno detto ma la grande attenzione e il massiccio appoggio pubblicitario dato alle estrazioni petrolifere (da tutta l’informazione dai giornali economici, ai giornali c.d. femminili, a quelli ambientalisti) ,  nonché la ripresa di indagini geosismiche a tappeto inducono a pensare che queste stime siano nettamente inferiori a quelle in possesso delle società petrolifere.

Il  protocollo di intesa tra ENI e la Regione Basilicata è firmato il 13.11.1998 e la Corte dei Conti esprime qualche perplessità sulla convenienza per lo Stato, grande azionista dell’ENI, a stipulare l’accordo stesso.

Naturalmente, poiché notoriamente le multinazionali e le compagnie petrolifere non sono enti di beneficenza e di assistenza,  ciò che si legge nell’accordo, che pure è un contratto che nessun avvocato non dipendente dell’ENI consiglierebbe ad un suo cliente di firmare, è una minima parte di quello che effettivamente ricaverà l’ENI dalla rapace occupazione della terra lucana. Che poi l’ENI non perda occasione di ricordare il parere della Corte dei Conti per dimostrare il suo filantropismo, è una ulteriore prova che è tutto orchestrato per convincere noi lucani del grosso affare che abbiamo fatto accettando l’accordo che, con giullareschi comportamenti da fare invidia ai migliori imbonitori di fiera di paese, hanno anche fatto finta di accettare con difficoltà e con grossi sacrifici !!!

Già molto prima dell’accordo, l 'ENI aveva cominciato a costruire le piattaforme petrolifere sui monti lucani e tutto sempre nel massimo riserbo.  A Calvello nel 1991 si sono visti sbancare una collina, in una delle zone più suggestive del territorio comunale a meno di 4 km dal centro abitato, a pochi metri da sorgenti di acqua sulfurea e ferrosa, senza che nessuno avvertisse la necessità di informare la popolazione. Addirittura esponenti della stessa maggioranza in Consiglio Comunale, di quella maggioranza che ha consegnato le chiavi del Comune all'ENI ipotecando pesantemente il futuro di Calvello, si dimostra perplessa su quanto sta accadendo.

Nessuna risposta è stata data dall’Amministrazione comunale.  Solo i soci dell'Associazione Ambientalista “Natura-Futuro”   chiedevano l'intervento parlamentare del Gruppo Verde.

La magistratura sollecitamente interpellata, quasi altrettanto sollecitamente archiviava la denuncia .

Così la Petrex  ha potuto tranquillamente costruire la prima piattaforma petrolifera ed è nata “ Cerro Falcone1”, 

  Clicca per ingrandire l'immagine    Clicca per ingrandire l'immagine

prima di tante piattaforme con lo stesso nome e numeri sempre crescenti; oggi gennaio 2001 si erge gigantesca l’area “ Cerro Falcone 5-8-10”:  quante piattaforme “ Cerro Falcone”  aspettano di sorgere?

Cerro Falcone 2 è, a 1330 metri, in un bosco incontaminato, su un versante del Volturino e a monte della sorgente “ Acqua dell’Abete”;

Cerro Falcone 3 è nel bosco della Maddalena, a pochi metri dal Farneto, area studiata dall’Università di Basilicata;

Cerro Falcone 5-8-10 è ai piedi del Volturino, vicino alla Potentissima,  nei pressi della sorgente “ L’acqua di bocche” che alimenta l'acquedotto del Comune di Calvello.

Clicca per ingrandire l'immagine

E mentre le popolazioni pensavano di poter ancora decidere del loro futuro,   i signori del petrolio trattavano in gran segreto con i sindaci che si guardavano bene dal far partecipi i cittadini, mostrando di non sapere niente.

Poi, pian piano, sono usciti allo scoperto e nel 1998 i sinaci di Abriola, Anzi, Calvello, Corleto Perticara, Laurenzana ed il Presidente della Comunità Montana Alto Sauro chiedevano che la Regione Basilicata caldeggiasse caldeggiasse l'allocazione del nuovo cento oli  nell’ area della loro comunità montana.

Il 9 luglio 1998 i sindaci dei paesi interessati dallo sfruttamento petrolifero partecipano all’audizione davanti alla X Commissione (attività produttive, commercio e turismo) e sempre davanti alla stessa commissione il primo ottobre dello stesso anno c’è l’audizione del Ministro dell’Industria, del Commercio e dell’Artigiano, Pier Luigi Bersani.

I nostri Amministratori sembrano non avere dubbi, ma il Prof. Perrone, che conosce bene l'ENI, avverte i Lucani ...

Intanto dal centro olii di Viggiano ogni giorno partono per Taranto decine di autocisterne piene di greggio e la strada del petrolio è divenuta la strada della morte e dei disastri ambientali stranamente, a sentire la stampa e gli organi di controllo del territorio, sempre sfiorati.

Nell’aprile la Giunta Comunale e il responsabile dell’aerea tecnica di Calvello emanano gli atti amministrativi che consentono all’AGIP di realizzare a meno di tre km dal centro abitato, a pochi metri dal fiume La Terra, affluente della diga Camastra che serve gli acquedotti di Potenza e di decine di comuni,  l’area destinata alle prove di produzione dei pozzi Cerro Falcone denominata area di L.P.T. (Long Production Test), sorta di piccolo centro oli.

accesso lpt_1.JPG (83233 byte)  costruzione lpt 1.jpg (54787 byte)

Per più di un anno, decine di autocisterne cariche di petrolio  hanno attraversato il centro abitato di Calvello riempiendolo di pestilenti esalazioni e causando danni al fondo stradale.

Alcuni consiglieri dell’opposizione hanno chiesto in data 22.2.2000  la convocazione di un Consiglio Straordinario, ma  il consiglio si è rifiutato di deliberare.

Il 25.02.2000, nei pressi dell’area L.P.T. , un’autocisterna ha riversato parte del suo carico nel rigagnolo di acqua che termina nel fiume La Terra.

Atti oscENI

La dettagliata denunzia   ha ricevuto una stringata archiviazione  senza nessuna attività di indagine.

Il sindaco di Calvello, cercando di arginare il malcontento dei suoi amministrati,  ha fatto passare le autocisterne solo di notte ma l’aria del paese è divenuta sempre più irrespirabile mentre dai pozzi Cerro Falcone 1 e 2 si levavano alte le fiamme.

Clicca per ingrandire l'immagine     Clicca per ingrandire l'immagine

Solo il sindaco di Trivigno ha impedito il transito della autocisterne nel suo comune.

In data 12.09.2000 un’altra autocisterna si rovesciava   nei pressi di Anzi

Clicca per ingrandire l'immagine    Clicca per ingrandire l'immagine    Clicca per ingrandire l'immagine    Clicca per ingrandire l'immagine

Naturalmente nessuno ha monitorato l’aria, l’acqua e il territorio durante questa intensa attività estrattiva che è stata considerata “una prova di produzione”, né alcuno ha calcolato quanto petrolio è stato estratto dal nostro territorio e portato a Taranto.

Ancora il 4.10.2000 il Presidente Bubbico parla di progetto di monitoraggio

e il bravo giornalista nota con grande soddisfazione che vicino ai pozzi non c’è alcun odore, eppure il cartello dell’ENI è molto chiaro….

Clicca per ingrandire l'immagine    Clicca per ingrandire l'immagine

Mentre i danni ambientali cominciano ad essere evidenti, le royalties scarseggiano,   l'occupazione della manodopera locale è ancora insufficiente e, comunque, essa non avviene in modo trasparente ma secondo criteri clientelari, miranti a favorire quei gruppi  politici e di potere che si dimostrano acquiescenti ai desideri dell’ENI.

Per poter lavorare è necessario essere iscritti in appositi elenchi, di cui si sente sempre più spesso parlare, e nei quali ci sono solo i nomi di coloro che sono nelle grazie degli amministratori e dei notabili dei vari paesi.

Le imprese locali sono scarsamente coinvolte e spesso soggiogate da vergognosi, innominati ed innominabili subappalti.

Non è stata avviata alcuna società per la produzione di energia da "cedere" a basso costo agli operatori pubblici e privati, né è stata realizzata la metanizzazione delle aree artigianali.

Riguardo alla recentemente istituita "FONDAZIONE MATTEI", va detto che l'accordo tra la Giunta Regionale e l'ENI, rappresenta l'ennesima paradossale farsa (che trova un importante precedente nel famigerato "Accordo di programma") dove la contropartita per la regione è il classico piatto di lenticchie, a fronte di una accelerazione dei procedimenti legali ed amministrativi necessari all'ENI per continuare e portare a termine il programma di sfruttamento.

Intanto l'ENI indottrina e premia i nostri figli.

Di quello che sta accadendo sui monti lucani non si parla; si parla molto, invece, del Texas d’Italia, della Val D’Agri che, finalmente, ha reso l'Italia una nazione che produce petrolio.

Ogni tanto l’ENI organizza qualche patinato convegno (pieno di illustri tecnici che spiegano le loro tecnologie di avanguardia e l’assoluta sicurezza delle estrazioni  perché, come non perde occasione di ripetere l’ing. Amici, che rappresenta sempre l’ENI in Lucania, “il petrolio non entra mai in contatto con l’ambiente esterno”),   ma sempre a Potenza – lontano dalle terre del petrolio - e senza, di fatto, consentire alle popolazioni direttamente interessate di partecipare e di conoscere e di capire.

L’8.4.2000, per la prima volta,le associazioni ambientaliste organizzano una manifestazione unitaria, al Centro Oli di Viggiano  ma, a causa dello sciopero dei giornalisti, non si riesce a dare alla notizia e al problema petrolio quella risonanza che gli organizzatori speravano e che la gravità della situazione richiedeva.

Clicca per ingrandire l'immagine    Clicca per ingrandire l'immagine    Clicca per ingrandire l'immagine

    Clicca per ingrandire l'immagine    Clicca per ingrandire l'immagine

L'8-7-2000, a Villa D'Agri si svolge un Convegno organizzato dal Comune di Marsicovetere con la partecipazione del ministro dell'industria Letta: si parla di petrolio, ma per le Associazioni Ambientaliste ed i Cittadini non c'è spazio.

Che ci sia necessità e voglia di conoscere ciò che sta avvenendo nell’area petrolifera è dimostrato il 10.9.2000  quando a Calvello è organizzato il primo convegno di controinformazione che registra una partecipazione di pubblico e una attenzione  notevoli, malgrado la Rai regione abbia preferito ignorare l’evento ed occuparsi con dovizia di particolari ed immagini della sagra del pecorino.

E, quando pochi giorni dopo, l’On. Pecoraro Scanio,  ministro delle risorse agricole, esprime qualche dubbio sulla opportunità e modalità delle estrazioni petrolifere in Basilicata,  i giornali ed  il  “servizio pubblico televisivo” cercano prontamente di dimostrare, con servizi chiaramente ispirati dal padrone petrolio, che il ministro non ha ragione di preoccuparsi .

Non da meno è la Rai nazionale che, in meno di un mese, riesce a mandare in onda più servizi sul petrolio lucano di quanti ne abbia mandati in tutto l’anno su tutte le tematiche della nostra regione. (Questione di soldi   del 4.10.2000,  Zapping del 6.10.2000,  Radio anch’io del 28.9.2000, Ambiente Italia del 14/10/2000.

L'indecoroso spettacolo pro-ENI offerto dal servizio pubblico RAI è stato denunciato alla Commissione di Vigilanza sulla RAI: STIAMO ANCORA ASPETTANDO UNA RISPOSTA

E il Consiglio Regionale?

L’ANSA ha  informato, il 17 luglio 2000, che  si sarebbe tenuto un consiglio regionale nel quale si sarebbe parlato delle estrazioni petrolifere 

(ANSA) - POTENZA, 17 LUG – “Il Consiglio regionale della Basilicata dedicherà una seduta specifica all'esame dei problemi e delle prospettive connessi all'estrazione del petrolio in corso in Val d' Agri. Lo ha annunciato il Presidente dell'assemblea Egidio Mitidieri, stamani, al momento dell'esame di un ordine del giorno (primo firmatario Egidio Digilio, di An) sugli ''impegni assunti dal Governo, dalla Regione e dall'Eni in ordine alle attivita' di ricerca e sfruttamento giacimenti petroliferi''.

L'ordine del giorno, quindi, non e' stato esaminato”.

Non avendo tale annuncio avuto seguito, alcuni cittadini hanno, nella seduta del 3 ottobre 2000, distribuito a tutti i consiglieri regionali un invito a  convocare il più volte annunciato Consiglio sulle attività petrolifere.

Siamo nel 2001: stiamo ancora aspettando la “seduta specifica”.

Intanto tutto continua: i petrolieri lavorano e la nostra terra è giornalmente violentata,  i nostri governanti, forse, conoscono i programmi dell’ENI, noi lucani continuiamo a non conoscere.

I giornali, inizialmente attenti e critici, si inseriscono nel coro dei media osannanti o prudentemente critici al dio petrolio. Si distinguono, solitari, "LIBERO" , "LIBERAZIONE" e "IL MANIFESTO"

Un Dossier molto esauriente è quello pubblicato nel Dicembre 2000 dal WWF

 

OIL STORY  2001

Il ministro Pecoraro Scanio ribadisce le sue perplessità sulle modalità ed i tempi dello sfruttamento dei giacimenti petroliferi della Val D'Agri.

In occasione della visita del candidato del Centrosinistra per la Presidenza del Consiglio, On. Rutelli, SOLUCANIA informa il candidato  della grave situazione ambientale in Basilicata, ma  Rutelli non vede né sente

 

Intanto la RAI continua ad oscurare tutte le manifestazioni contro le società che aggrediscono il nostro territorio.

La assoluta carenza di informazioni sulle attività estrattive emerge in maniera chiarissima quando,  a metà Marzo 2001,  i giornali e la RAI Regione danno notizia della apertura di 12 nuovi pozzi nell’area Volturino. Si tratta di pozzi  sulla cui realizzazione il Ministero dell’Ambiente aveva espresso il giudizio positivo di compatibilità ambientale già il 16.6.1999 e che i nostri mezzi di comunicazione dimostrano di conoscere, con il solito tempismo, solo ora !

Sono pozzi che saranno realizzati nei boschi, presso sorgenti e vicino ad attività di agriturismo e agricoltura biologica.

 

In Val D’Agri sono organizzati due convegni sulle estrazioni petrolifere che mostrano come, malgrado i dirigenti regionali continuino la loro politica pro-ENI, sia sempre più diffusa la sensazione che i rischi, tutti già attuali, non compensino i  guadagni, per la maggior parte futuri.

La Gazzetta del Mezzogiorno del 26.3.2001 pubblica un articolo del Prof. Nico Perrone che, dopo aver visitato più volte i siti petroliferi  e visto dove sorgono i pozzi e cosa fanno alla nostra terra le compagnie petrolifere e le varie società che con  e per esse lavorano, denuncia i danni  già visibili sul territorio ed invita i nostri politici ad affrontare la questione petrolio “ senza pregiudizi e senza entusiasmi, dopo aver predisposto un quadro di regole da rispettare, di costi e di vantaggio per le popolazioni”. Nessun politico risponde ma  lo stesso quotidiano pubblica  due  interventi  di  risposta, uno di Pietro Simonetti ( Presidente Comitato per le politiche del lavoro Regione Basilicata) e l’altro di Michele Vita   “ ingegnere, coordinatore del Comitato paritetico per l’attuazione del protocollo d’intenti Regione Basilicata-ENI),  che si dimostrano entusiasti , il primo, per come la Regione Basilicata si sia fatta rispettare dall’ENI e abbia raggiunto il record nazionale battendo tutte le altre regioni che, a sentir lui, il petrolio lo regalano, il secondo per come l’ENI rispetti l’ambiente e tuteli la salute dei lucani. Non sappiamo se, prima di scrivere i loro zuccherosi articoli, abbiano visitato i siti petroliferi, sicuramente non sanno quanto ha incassato la Regione ( “ negli ultimi due anni 25 miliardi provenienti dalle royalties oltre ad altri 60 miliardi di finanziamenti ENI che sostengono il piano forestale” Simonetti

 “ ad oggi, con le anticipazioni sulle royalties ed i primi fondi stanziati dall’ENI, in tutto circa 40 miliardi, la Regione ha finanziato interventi di forestazione produttiva ed un programma di incentivazione a favore di 73 piccole e medie imprese…..  E  poi ci sono le royalties …. fino ad ora con la produzione appena iniziata, abbiamo ricevuto circa 20 miliardi.” Vita ) e, se devono dare i numeri, almeno che si mettano d’accordo!

SOS Lucania, WWF Basilicata, CAI sez. Potenza, Osservatorio per l’Ambiente Lucano , sullo stesso giornale, fanno rilevare come gli illustri tecnici editorialisti  siano in mala fede quanto cercano di far passare, ancora una volta, l’immagine di una idilliaca estrazione scrivendo cose che i politici  governanti non potrebbero impunemente scrivere.

La realtà è che il protocollo d’intesa non tutela né le popolazione né l’ambiente e la Regione Basilicata non ha la volontà politica per imporre all’ENI il rispetto non solo del protocollo d’intesa ma neanche delle più elementari norme di tutela ambientale. L’impotenza e l’ignavia dei nostri governanti si manifesta in maniera vistosa sol se si guardano i siti dismessi  e non ripristinati e  i terreni sui quali si è riversato, nel gennaio 2000, il petrolio di due autocisterne nel territorio di Viggiano. Il Consulente Tecnico nominato dal Presidente del Tribunale di Potenza ha, ad un anno dall’incidente, descritto i terreni come ancora inquinati, in varia misura,da idrocarburi di petrolio e, ancora nell’estate del 2001, non solo il terreno non è stato bonificata ma certamente il petrolio ha potuto raggiungere gli strati più profondi.

Intanto prosegue la realizzazione dell’oleodotto  e, con lo stesso sistema utilizzato per le indagini geosismiche,  operai e tecnici delle società che lavorano per l’ENI entrano nei terreni, negli orti, nei frutteti, nei boschi, e realizzano le loro opere senza aver preventivamente avuto il consenso dei proprietari né un qualsiasi atto amministrativo.

La politica torna ad occuparsi del Petrolio con un intervento del sen. Egidio Ponzo, che già prima delle elezioni, aveva manifestato forti critiche al modo in cui sono realizzate le estrazioni e si era impegnato a sollecitare una revisione degli accordi  e più rispetto per gli interessi e l’ambiente lucano. Noi  aspettiamo i  futuri sviluppi  ma non ci fermiamo perché l’ENI non si ferma e l’occupazione continua….

Continua anche l'informazione faziosa del TG Basilicata che non perde occasione di decantare i vantaggi derivanti dall'estrazione fornendo dei dati economici assolutamente falsi che neanche il filopetroliere sindaco di Calvello ha la spudoratezza di confermare (Tg3 Basilicata 5.9.2001) .

Quando poi, ai giornalisti di Rai Basilicata si offre l'occasione di apparire sulle reti nazionali ( vedi Italie dell'1.11.2001 e Mediterraneo di novembre 2001) propinano anche a tutta la nazione la solita tranquillizzante immagine tipica della propaganda dell'ENI.

Malgrado più volte noi di SOS Lucania abbiamo invitato i giornalisti di Rai regione a non fermarsi nei municipi e sulle piazze ma ad andare a vedere quello che effettivamente l'ENI stava facendo nessuna inchiesta è stata fatta. Per fortuna il 18 ottobre 2001 è andata in onda la trasmissione REPORT che ha mostrato all'Italia intera le sistematica violazioni della legge fatte dall'ENI e lo scempio ambientale senza ricadute economiche su una popolazione del tutto disinformata. Finalmente abbiamo potuto sentire il Presidente Bubbico e l'Assessore Chiurazzi rispondere alle domande di una vera professionista dell'informazione che, senza il timore riverenziale che caratterizza certi suoi colleghi, li ha costretti ad ammettere la loro sudditanza alle multinazionali e la voluta non conoscenza dello scempio ambientale in atto. Il nostro ringraziamento a Sabrina Giannini: brava!

Nell' Ottobre 2001 gli autotrasportatori che portano il greggio da Viggiano alla raffineria di Taranto hanno iniziato uno sciopero per " la mancanza di garanzie da parte dell'ENI nell'assicurare una quota di trasporto tale da permettere agli autotrasportatori lucani la sopravvivenza economica" . Si sono accorti, guarda un pò, che l'oleodotto è quasi terminato e loro smetteranno di lavorare. 

Il giorno dopo lo sciopero è stato sospeso perchè la Regione ha garantito il suo interessamento!
Quando la smetteranno di elemosinare e di accettare garanzie che nessuno può dare? 
L'ENI non ha mai assunto alcun impegno formale per gli autotrasportatori e se, malgrado fosse chiaro a tutti che il trasporto su gomma era provvisorio, alcuni lucani hanno sostenuto spese per l'acquisto di autocisterne .....forse hanno sbagliato ad appoggiare i petrolieri e i politici filopetrolieri e a considerare noi, che queste cose le diciamo da sempre, dei nemici .
Sbagliare è umano, perseverare è diabolico.....

 

Finalmente l'11.12.2001 il Consiglio Regionale ha dedicato una seduta al dibattito "in merito alle problematiche relative all'accordo di programma ENI-REGIONE BASILICATA sull'attività estrattiva petrolifera e questioni connesse".

Sono emerse posizioni diverse anche all'interno dei vari schieramenti politici, ma alla fine è stato approvato un ordine del giorno assolutamente inadeguato e deludente (per decenza anche tre consiglieri della maggioranza si sono astenuti) che ha ignorato completamente le critiche, i rilievi, le contestazioni che pure erano emersi durante il dibattito. Tanto rumore per nulla: alla fine si è tornati alla relazione dell'assessore De Filippo , che è interessante solo perchè contiene allegati per la prima volta tutti gli atti relativi alla questione petrolifera, dell'Accordo di Programma alle Leggi Regionali.

Durante il dibattito il Consigliere Dott. Mancusi, parlando degli effetti delle estrazioni petrolifere sul territorio,  ha affermato "alcuni esperti hanno addirittura rilevato un possibile aumento delle neoplasie polmonari".

Nessun Consigliere, nessun Assessore, nemmeno il Presidente Bubbico ha avvertito la necessità di approfondire le affermazioni del Consigliere che tutti sanno essere specializzato in Tisiologia e malattie dell'apparato respiratorio.

Complimenti !!!!!

Mentre per la Rai di casa nostra, quella più vicina, l'interesse alla problematica parco-petrolio è di gran lunga inferiore alla sagra della mortadella che si celebra in qualche contrada lucana, la Rai, quella più lontana, con Ambiente Italia di Beppe Rovera si occupa di parchi e, in particolare, del Parco Nazionale della Val d'Agri e del Lagonegrese, un parco istituito ma non ancora operativo perchè non ancora - dopo 4 anni - approvata la sua perimetrazione. Qualcuno lo ha definito il Parco della Val d'Agip proprio per sottolineare l'assurdità di scelte legislative, da una parte, e la rapacità delle compagnie petrolifere, dall'altra, che pretendono di far convivere le attività estrattive con le esigente di un parco nazionale

 

OIL STORY  2002

L’ENI continua le sue attività sul territorio lucano senza alcun controllo e senza che i lucani sappiano niente dei suoi programmi.

La RAI regione tra il gennaio e il febbraio 2002 manda in onda  un’inchiesta sul  petrolio in Basilicata. Sul fronte ambientale la RAI regione conferma che tutto è sotto controllo suscitando le giuste proteste del WWF, ma nemmeno i suoi zelanti giornalisti  hanno il coraggio di parlare del progetto di monitoraggio che l’Assessore Chiurazzi ha definito “all’avanguardia in Europa”…

Naturalmente è sempre in fase di progettazione ma, altrettanto naturalmente, la RAI nulla dice se non che c’è un efficiente sistema di monitoraggio… provvisorio!!! Come se due centraline, alcuni esami sulle acque dei soli affluenti dell’Agri e poche piantine (attività, peraltro, demandate a società strettamente collegate ad Eni) fossero in grado di monitore l’ambiente! Anche questa volta si ignora il fatto che i pozzi sono il Val Camastra  oltre che in Val D’Agri e che sono stati costruiti sulle sorgenti dei fiumi che alimentano la diga della Camastra.

Il dossier è interessante perché, per la prima volta, sulla Rai Regionale si fanno sentire alcune critiche sul mancato rispetto degli accordi da parte dell’ENI e, soprattutto, si comincia a parlare di insufficiente ricaduta occupazionale. 

Negli stessi giorni il sindaco filo-ENI di Viggiano, Vittorio Prinzi, improvvisamente ed a causa del crescente malcontento dei suoi amministrati, si accorge di aver svenduto il suo paese e di non aver ottenuto niente, dando inizio ad una patetica e “stracciona” rivendicazione della sede della Fondazione Mattei a Viggiano. 

Sembra l’inizio di qualcosa…poi al  Sindaco di Viggiano promettono l’agognata sede lucana della Fondazione Mattei e si zittisce .

 Non sappiamo cosa danno ad altri ma le leggere critiche espresse dalla RAI Regione non danno risultati a noi visibili.

 

Intanto la denuncia di Sos Lucania  sulla mancata bonifica del territorio del comune di Viggiano inquinato dal petrolio trova la conferma dell’inerzia delle autorità  nella denuncia presentata alla Procura della Repubblica dalla Provincia di Potenza , l’unico ente, tra i tanti a cui si è rivolta Sos Lucania, a sentire il dovere di interessarsi alla vicenda, diversamente dal NOE (Nucleo Operativo Ecologico dei CC) e dalla Regione Basilicata che, con la solita ignavia, se ne è lavata le mani.

Veniamo a conoscenza, per la prima volta, che l’ARPAB  aveva accertato il 21.1.2000 che “l’acqua di un pozzo è risultata frammista a greggio” e che il Sindaco di Viggiano aveva emesso un’ordinanza che vietava “l’utilizzo delle acque, superficiali e sotterranee, site nel fosso delle Fornaci nonché di quelle derivanti dall’abbeveratoio Dianò”.

Naturalmente, il TG Basilicata appena “sussurra” la notizia e dopo che ne hanno parlato i giornali.

Il comune di Viggiano ci informa che (dopo due anni!!) ha attivato la procedura per la convocazione della conferenza di servizi.

Il 6.3.2002 si apprende che l’ENI ha ceduto a Total-Fina la partecipazione al giacimento Tempa Rossa

 

A fine marzo gli autotrasportatori (del greggio) riprendono la loro protesta; di nuovo incontri, di nuovo riunioni, di nuovo promesse.

Si apprende dalla Nuova Basilicata che tornerà a funzionare lo L.P.T. di Calvello che servirà da piccolo centro oli per i pozzi Cerro Falcone. Le autocisterne torneranno ad attraversare il piccolo ponte sul fiume La Terra e, attraversando i valichi del Volturino, porteranno il petrolio al Centro Oli di Viggiano, attraversando anche il territorio che dovrà essere compreso nel Parco della Val D’Agri  (della serie: “come distruggere anche solo l’ipotesi o la speranza di un Parco!!!”).

Continua il rifiuto sistematico di fornire informazioni e le richieste di Sos Lucania ai Sindaci dei Comuni interessati dai giacimenti su pozzi, occupazione, indagini geosismiche e danni, ricevono poche risposte.

Tra risposte mancate o reticenti, quella del Corpo Forestale merita una particolare menzione e meriterebbe sicuramente maggiore attenzione da parte della magistratura penale: alle precise richieste inviate a tutte le stazioni forestali e ai Coordinamenti Provinciale e Regionale ha risposto soltanto il Capo del Coordinamento Provinciale  che, molto pilatescamente, di fatto si è rifiutato di rispondere.! Colui i cui agenti sono cosi attenti a punire chi taglia una sola pianta nel boschi pubblici, alla nostra precisa domanda sui danni che possono aver fatto i tecnici ENI e delle società collegate durante le indagini geosismiche non si è vergognato di rispondere che “L’Amministrazione  non può inserirsi in questioni che riguardano controversie tra terzi“ come se possano considerarsi privati i tagli agli alberi, i tratturi aperti, le esplosioni nei fiumi che hanno causato centinaia di milioni di danni già accertati!!

 

Il 19.3.2002  si scopre che le società incaricate dall’ENI hanno cominciato a bonificare un “laghetto completamente coperto di petrolio” vicino al centro oli di Viggiano.     

Nessuno sa quello che è effettivamente successo all’interno dello stabilimento ENI né quando si è verificato quello che, secondo una voce non ufficiale della società petrolifera, è un errore di un addetto alla manovra di alcune valvole. Abbiamo provato a parlare con i cittadini di Viggiano che abitano a 100 metri dal centro oli ed è emersa una ben strana e preoccupante ricostruzione degli eventi. Alle ore 11,15 di venerdì   si è avvertito “un rumore  assordante che ha fatto vibrare i vetri e le case”  e la fiamma di combustione che dovrebbe bruciare tutto il gas è sembrata  quasi spegnersi “la fiamma usciva e non usciva”. Mario Diamante, militante di Sos Lucania nonché di un comitato civico, al quale aderiscono 300 cittadini del sindaco Prinzi e molto più preoccupati dal centro oli che dalla  destinazione della fondazione, temendo per la propria incolumità ha telefonato alla Prefettura di Potenza  per, come ci ha dichiarato, “sollecitare il piano di protezione civile già richiesto da questo comitato da maggio 2001 oltre a chiedere casa fare nell’immediato.  Ma come risposta mi veniva assicurato che il piano non è ancora pronto ma che tutto è sotto controllo...  come, infatti,  abbiamo e potete tutti verificare vedendo il petrolio che galleggia sull’acqua…”.

Sono stati chiamati i Carabinieri ed i Vigili urbani che, sempre venerdì, sono scesi al centro oli  ed hanno ascoltato le rimostranze e le denunce della gente.

Quindi, sembra, che al centro oli stava succedendo qualcosa di strano già venerdì e che probabilmente “il fattaccio” si è verificato allora o poco dopo. Perché noi ne siamo venuti a conoscenza solo martedì? Non certamente perché informati dall’ENI  o da qualche autorità locale o regionale, ma perché la sezione della Val d’Agri dei Rangers d’Italia ha scoperto il petrolio nell’acqua e sui terreni e il personale dell’ENI che cercava di cancellarne le tracce.        

Solo martedì è intervenuto il personale dell’ARPAB e, quindi, deve desumersi che gli Amministratori regionali e gli organi di controllo siano stati avvisati solo allora, non potendo noi pensare che questi siano intervenuti con un ritardo di tre giorni! E, dopo due giorni, ancora non sappiamo cosa è effettivamente uscito dal centro oli e in che quantità. Sappiamo solo che è un idrocarburo, che galleggia e che puzza. Forse se ci spiegano cosa è veramente successo capiamo troppo e noi dobbiamo ignorare tutto? Segreto industriale? Almeno al presidente Bubbico lo hanno detto o anche lui legge i giornali per sapere quello che succede? Certamente il nostro governatore non è andato a Viggiano a parlare con la gente che respira gas che l’ENI dice non tossici, che coltiva terreni che l’ENI dice puliti, che beve l’acqua che l’ENI assicura essere perfetta, sempre in attesa di quel favoloso sistema di monitoraggio che ancora si sta progettando e che quando sarà realizzato monitorerà il nulla.

I cittadini di Viggiano, di Calvello, di Grumento , di Corleto vivono vicino e spesso sotto i pozzi e i centri olii delle compagnie petrolifere senza sapere i rischi che corrono e come devono comportarsi in caso di incidenti. Nessuno li ha informati, nessuno ci informa: Presidente Bubbico ci può dire quali sono i possibili incidenti che possono verificarsi in un centro oli, in un pozzo che si sta perforando, in un pozzo perforato?

Nella trasmissione REPORT  abbiamo ascoltato un tecnico dell’ENI che, alla precisa domanda della giornalista Sabrina Giannini sui rischi dei pozzi, ha risposto che non ce erano, “è come prendere un aereo”; ma quando prendiamo un aereo sappiamo che può cadere, può bruciarsi un motore, ci fanno mettere le cinture di sicurezza e i giubotti di salvataggio, ci sono le uscite di sicurezza…..Quali uscite di sicurezza hanno il lucani che vivono nelle valli del petrolio? Quali uscite di sicurezza hanno tutti coloro che bevono l’acqua della diga del Pertusillo e della diga della Camastra?

L’episodio è molto grave  e suscita reazioni molto dure anche da parte di esponenti della maggioranza del Consiglio Regionale: la totale ignoranza dei fatti dimostrata dall’assessore all’ambiente, Chiurazzi, dall’assessore alle attività estrattive, Vito de Filippo, e dal Governatore Bubbico dà il senso della totale subordinazione della nostra classe dirigente all’ENI. 

Senza grandi speranze aspettiamo gli sviluppi delle indagini  

Il 3 aprile si apprende che il gruppo britannico SHELL ROYAL DUTCH ha deciso di acquistare attraverso il lancio di un'opa amichevole Enterprise Oil che detiene in Val D'Agri il 55% della Concessione Cerro Falcone, il 40% della Concessione Monte Alpi ed il 25% della Concessione Tempa Rossa. L'ENI aveva espresso solo qualche giorno prima la disponibilità per l'acquisto dell'Enterprise Oil.

Il 10 aprile, il “Caso Val d’Agri” viene discusso in una tavola rotonda tenutasi in Senato  organizzata dalla Campagna di Riforma della Banca Mondiale e da Friends of the Earth International, associazioni che si battono affinchè la B.E.I. eserciti un controllo più efficace sui progetti finanziati dalla banca europea, come quello dell’ENI in Val d’Agri (Resoconto della tavola rotonda).

Ai rappresentanti delle associazioni internazionali e della B.E.I e ad alcuni parlamentari, Sos Lucania ha portato la testimonianza di come l’ENI, nella esecuzione del progetto Val d’Agri, violi sistematicamente norme statali ed europee, calpesti cultura e tradizioni delle popolazioni locali e aggredisca in modo volgare e selvaggio il territorio.   

Agli inizi di maggio “ Il Sacco della Basilicata” trova spazio e risonanza nella rivista Due Sicilie.

Il 20 maggio l’Unità  pubblica un articolo di Andrea Di Consoli dal titolo “Il miraggio dell’oro nero”. Il reportage non è sicuramente piaciuto al Governatore rosso della Basilicata che, diversamente dall’attento e dinamico giovane giornalista, probabilmente non ha mai visto o non ha mai voluto vedere che l’ENI sta distruggendo la nostra regione: chissà se Bubbico ha mai visto come è bello un pozzo a 1.550 metri tra boschi di faggi, sorgenti, falchi, cavalli e volpi….

 

Per caso, mentre la Procura della Repubblica di Potenza  intercettava i noti imprenditori De Sio per tangenti su appalti vari,  si è scoperto che si parlava anche di ENI, di AGIP, di oleodotti……

E’ scoppiata la c.d. tangentopoli lucana con grande clamore mediatico. E mentre su tutte le televisioni nazionali si metteva in evidenza il filone ENI-AGIP e in tutti i servizio svettavano le torri petrolifere e le relative fiamme, l’ineffabile capo redattore di Rai Regione, Cantore, ha in tutti i TG del 27 maggio tagliato il servizio del giornalista Stolfi nella ultima parte che riguardava l’ENI-AGIP. Chi ha seguito solo il TG regione per due giorni ha ignorato che le indagini riguardavano anche il filone degli appalti ENI in Val d’Agri. Il fatto è stato ancora di più eclatante perché il servizio di Stolfi, in versione integrale, è stato trasmesso lo stesso giorno dal TG3 nazionale: perché sulla RAI Regione il petrolio non deve fare notizia?

Non è che l’ultimo episodio di una lunga serie di strani ed ingiustificati silenzi e tagli.

E se un giorno si scoprisse che qualche illustre (si fa per dire!) giornalista è in qualche modo interessato (magari non direttamente ma attraverso congiunti più o meno stretti) alle attività imprenditoriali di società che in Val d’Agri hanno fatto grandi affari con l’ENI …………. ?

Rispetto a quella che ormai viene definita la “tangentopoli lucana”, Sos Lucania non intende associarsi al coro dei giustizialisti  né a quello degli “innocentisti” a priori, per convenienza o disciplina di partito.

Non abbiamo mai gioìto, né lo faremo ora, del tintinnio delle manette e non ci sostituiremo ai giudici nel sentenziare la responsabilità di coloro che sono indagati; ma neppure condividiamo le ipocrite manifestazioni di sorpresa di chi del “sistema”  ha sempre saputo, se addirittura non ne ha fatto parte.

Continueremo, invece, ad esprimere in modo netto e senza riserve la nostra inappellabile condanna politica nei confronti di una classe dirigente che riteniamo responsabile dell’ennesimo tradimento nella storia del popolo lucano.  

Il 4 giugno si apprende dai giornali che vi è stata una fuoriuscita di 2.500 litri di acqua di lavorazione contenente petrolio nella notte tra il 2 e 3 giugno da una condotta interna alla postazione Monte Enoc che raggruppa 3 pozzi di estrazione di petrolio nel territorio di Viggiano.

Nella notte del 7 sui pozzi petroliferi Monte Alpi 1 Est , in territorio di Grumento Nova, si è verificato un altro incidente: la rottura di una valvola ha causato una fuoriuscita di greggio che, uscito a forte pressione, si è nebulizzato e spinto da forti raffiche di vento ha impregnatolo piante e sottobosco del vicino  bosco "Aspro" per circa 2 ettari. Difficile si presenta l'opera di bonifica anche perchè nella zona vi è un torrente che potrebbe essere anch'esso interessato in caso di pioggia (e naturalmente sta piovendo).

Il 9 giugno leggiamo sul "Quotidiano" che -con le attività petrolifere aumentano i pericoli di dissesto geologico-

Il 16 settembre, la magistratura inquirente potentina emette una nuova serie di ordinanze di custodia cautelare. Questa volta le indagini puntano dritto all’Eni ed alle grandi opere collegate all’attività petrolifera in Val d’Agri. Per la procura della repubblica di Potenza, petrolio e corruzione viaggiano insieme lungo l’oleodotto che porta a Taranto.

   

Il 18 settembre si apprende dalla stampa che “Bubbico  blocca i nuovi pozzi. In realtà il presidente della giunta regionale ha solo dichiarato: “Sino a quando gli aspetti connessi all’esecuzione dei lavori non saranno chiariti e sino a quando non si saranno realizzati compiutamente gli accordi già sottoscritti nel 1999, la Regione non riaprirà nessun tavolo negoziale su Tempa Rossa e sui programmi estrattivi riguardanti la Val Camastra”. Probabilmente spaventato dalle indagini della magistratura, il Presidente Bubbico ha deciso di annunciare la scoperta dell’acqua calda! Tutti, infatti, sappiamo che l’Eni non ha rispettato gli accordi e solo chi crede alle favole può pensare che la sua dichiarazione possa sospendere alcunché. Infatti, all’Eni non importa più niente della Val Camastra avendo ceduto tutte le concessioni e ha già tutte le autorizzazioni per estrarre tutto il petrolio della Val D’Agri!

Ad accreditare quella che potrebbe apparire (a qualche allocco) come un’improvvisa e sorprendente botta di orgoglio del governatore lucano, intervengono i soliti noti suoi amici, il sindaco di Corleto Perticara e il sindaco di Marsicovetere che, nella sceneggiata rappresentata sui giornali locali, interpretano la parte degli amministratori arrabbiati con il loro presidente e preoccupati che si blocchino le estrazioni.

Che ne dite: ci sono o ci fanno?

Nel frattempo la Basilicata esporta petrolio!!

SOS Lucania, su Due Sicilie, così dice la sua.

Il primo ottobre in Consiglio regionale si discute di petrolio e di tangenti: si decide di istituire la Commissione di inchiesta sulla vicenda petrolio richiesta dall’opposizione (la presidenza andrà a Di Gilio, AN)

La Gazzetta del Mezzogiorno dà i numeri del petrolio lucano.

E intanto il nostro cielo e la nostra aria si riempiono di veleno.

Il 4 ottobre, il Presidente della Giunta Regionale Filippo Bubbico è costretto ad ordinare il blocco dell’impianto di “desolforazione” del centro oli di Viaggiano a causa di un guasto “che avrebbe avuto conseguenze sulla qualità delle emissioni in atmosfera”.

Il blocco finisce il 9 ottobre, ma tutta la Val D’Agri ha avvertito e respirato le emissioni del centro oli già molti giorni prima del provvedimento del Presidente Bubbico: cosa è successo veramente?

Come al solito non lo verremo mai a sapere, né dalle autorità regionali, né dall’Eni.

Di sicuro ancora si parla di un piano di sicurezza (da progettare) e mentre il solito Simonetti ci fa sapere che, alla tutela ambientale, preferisce il petrolio perché porta occupazione (un giorno ci dovrà spiegare quanti posti di lavoro ha creato l’accordo con Eni), il sen. Lapenta lancia un appello che, avendo il sapore della verità, non viene raccolto da nessuno.

Antonio Porretti sulla Gazzetta del Mezzogiorno conduce un viaggio molto interessante nelle terre del petrolio.

Gli autotrasportatori del petrolio continuano a protestare e lamentarsi: ci è permesso non commuoverci e sospettare che hanno preferito dare ascolto alle assicurazioni dei mercanti della politica?

Sorpresa! Si riparla di monitoraggio della Val d’Agri!

A novembre, si apprende che è stata avviata una procedura d’infrazione contro l’Italia dalla Commissione Europea per le estrazioni petrolifere in Basilicata.

Ambiente Italia va a Corleto e, malgrado l’accorta regia, riescono ad emergere i dissensi. Antonio Montano, che a Corleto vive, non si nasconde e grida la verità.

L’ENI chiede di spostare 4 pozzi.  

 

OIL STORY  2003

18 marzo 2003: la TotalFinaElf presenta alla Regione la domanda di pronuncia di compatibilità ambientale per il progetto Tempa Rossa.

Commenti.

25 Aprile: Tempa Rossa comincia a far discutete e il petrolio si avvicina alle Dolomiti lucane e minaccia il parco di Gallipoli Cognato.

27 aprile: il sindaco di Laurenzana vede i petrodollari.

28 aprile: la Conferenza Episcopale lucana comincia ad interessarsi del petrolio e a mostrarsi  sempre più critica verso un modello di sviluppo che depaupera i lucani del loro territorio e della loro dignità.

29 aprile: il WWF lancia l’allarme, i deputati della Margherita, Mario Lettieri e Giuseppe Molinari, presentano una interrogazione al ministero dell’Ambiente per sapere se il governo ha inserito tra le c.d. grandi opere gli interventi della compagnia petrolifera TotalFinaElf per lo sfruttamento del giacimento Tempa Rossa. Il deputato di Forza Italia Gianfranco Blasi afferma che nessun intervento delle grandi opere è previsto a Tempa Rossa.

29 aprile: Avvenire pubblica l’accorata e puntuale denuncia dell’arcivescovo di Potenza, Agostino Superbo.

6 maggio: si fa vivo il presidente della Commissione regionale d’inchiesta sulle Attività estrattive in Val D’Agri e Val Camastra, Egidio Digilio. Pensavamo fosse divenuto muto e sordo: peccato che nulla ci dica sulla sua Commissione che, a 5 mesi dalla sua istituzione, sembra un pallido fantasma.

7 maggio: il sindaco di Laurenzana Dott. Rocco Martoccia organizza un convegno su  Tempa Rossa.

9 maggio: parte la grande abbuffata della Val D’Agri che porterà a spendere i soldi delle future royalties che la Regione si fa anticipare dalle banche attraverso mutui o altre operazioni finanziarie. Si spendono così i soldi che dovrebbero servire a compensare i danni ambientali.

La Chiesa alza ancora una volta la voce per denunciare la corruzione della società lucana.

19 maggio: la Giunta Regionale approva il piano Val D’Agri.

20 maggio: continuano le polemiche su Tempa Rossa e la Regione firma con ENI due accordi attuativi già previsti nell’accordo di programma del 1998.

30 giugno: audizione delle associazione ambientaliste davanti alla commissione d’indagine per il petrolio. Presente solo il presidente Digilio, latitanti gli altri consiglieri regionali componenti la Commissione.

29 giugno: muore un operaio schiacciato da un tubo sul pozzo Alli 4 nel comune di Viggiano. Nessuno protesta, nessuno parla di responsabilità, articoli sintetici di semplice cronaca, nessun commento: non bisogna disturbare il manovratore! Complimenti ai giornalisti per la professionalità.

Il 3 luglio muore un operaio su un cantiere normale non ENI e qui tornano i commenti e l’indignazione per la mancanza di sicurezza. Che schifo!  In Basilicata non si tiene in nessun conto de principio secondo il quale: ”La notizia è un’informazione che deve dare fastidio almeno ad uno, altrimenti non è una notizia ma pura informazione, come gli orari delle farmacie di turno. Mantenendo sempre il giornalista la sua terzietà” (Lorenzo del Boca Presidente dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti).

Una esponente di Sos Lucania approfitta di un convegno organizzato dal WWF a Montemurro per esprimere lo sdegno per il servilismo dell’informazione lucana ai petrolieri (doc. 18) 

6 giugno: il Presidente Bubbico e i rappresentanti degli enti locali sottoscrivono l’accordo di programma sull’utilizzo delle royalties.

12 luglio: il segretario regionale dei DS, Vincenzo Folino, disserta sulla tangentopoli  lucana e dimentica che il problema non è giudiziario ma politico. Non  basta che non ci sia il reato è necessario che vi sia una gestione onesta del  potere che viene dai soldi del petrolio. Nelle Valli del petrolio non vi è libertà  perché chi ha rapporti privilegiati con le multinazionali controlla  l’anima (e la scheda elettorale) delle popolazioni.

12 agosto: si parla di una trattativa segreta per Tempa Rossa.

14 agosto: lettera  coraggiosa ed onesta agli amministratori di Corleto del sen. Nicola Lapenta.

16 agosto: parte una raccolta di firme dei cittadini di Viggiano  diretta ad ottenere una maggior trasparenza e maggiori informazioni su ciò che si verifica nei pozzi.

Agosto: cominciano a viaggiare le autocisterne e il sindaco di Abriola se ne accorge e comincia una sterile polemica con l’ultras petroliere sindaco di Calvello.

5 settembre: ricompare la Commissione regionale d’inchiesta sul petrolio.

6 settembre: a Viggiano si parla di petrolio e Monsignor Superbo spiega a Bubbico  cosa succede nei paesi del petrolio.: il Presidente della Regione pensava ad altro!

13 settembre: sui giornali è pubblicata la notizia dell’inquinamento delle acque a Calvello.

13 settembre: si tiene un interessante convegno sulla rinaturazione delle aree interessate all’estrazione petrolifera.

13 settembre : l’amministrazione provinciale ritiene che le strade percorse dalla autocisterne sono sicure, i radicali  criticano Diglio e le esportazioni diminuiscono.

4 ottobre: si apprende che la regione stanzia 45 milioni per gli investimenti.

4 novembre: i vescovi lucani esprimono chiaramente la loro contrarietà alle perforazioni petrolifere nel parco Gallipoli-Cognato, i sindaci di Laurenzana e Corleto si lamentano, il presidente della Comunità montana Camastra Alto Sauro si sputtana e presunti operai  di Corleto cercano di commuovere Mons. Superbo. Un cittadino dello stesso paese risponde loro a tono.

9 novembre: il sindaco di Abriola riprende a lamentarsi per il transito delle autocisterne.

11 novembre: la desertificazione avanza anche per le estrazioni petrolifere.

17 novembre: E’ scoperta una chiazza di petrolio, in località Casetta Bianca, tra i comuni di Calvello ed Abriola . Le tracce di un incidente nascosto o, meglio, del solito disastro ambientale sempre evitato!

17 Novembre: ennesimo convegno sul petrolio disertato, al solito, dai sindaci 

20 novembre: i lavori dell’oleodotto interessano anche zone soggette a vincolo idrogeologico ma a parte qualche dichiarazione dell’Autorità di Bacino , niente e nessuno ferma lo scempio ambientale!

21 novembre. Il comitato per lo sviluppo delle aree interne inizia la raccolta di firme per  l’istituzione della zona franca

22 novembre: durante la manifestazione contro le scorie nucleari a Scanzano, alcuni oratori invitano a rendere la protesta più dura e a gestire noi lucani i nostri beni con il blocco del centro oli e delle estrazioni petrolifere.

26 novembre: il presidio davanti al centro oli di Viggiano comincia ad essere effettivo  ma la solita stampa serva cerca di mimetizzare  facendolo apparire una semplice manifestazione politica organizzata da A.N. . Così non è, perché comincia ad arrivare gente da molti paesi  e si comincia a discutere di petrolio come di una nostra risorsa che ci hanno fraudolentemente sottratto. I sindaci cercano di organizzare una manifestazione che fittiziamente blocchi il centro oli,  ma la presenza di manifestanti liberi e non loro sudditi rischia di rendere effettivo ciò che doveva essere virtuale.

Si è quasi sul punto di bloccare l’attività petrolifera ma… il Governo ritira il decreto che individuava a Scanzano il centro unico di stoccaggio delle scorie nucleari e anche la protesta al Centro Oli rientra. C’è mancato poco! Altri pochi giorni e in Lucania, per la prima volta, anche i servi dei petrolieri sarebbero stati costretti a parlare del nostro petrolio e della nostra terra rapinata. Non è che le multinazionali del petrolio hanno messo il loro peso dalla parte dei lucani nella vicenda Scanzano per far tornare la pace nei nostri boschi e nelle loro torri e piattaforme?

All’ENI ridacchiano: che dilettanti quelli delle SOGIM, noi invece……….

Intanto prosegue lo sventramento delle nostre montagne per costruire l’oleodotto.

 

 

Torna a Lucani: Popolo in via di estinzione