INTERROGAZIONE PARLAMENTARE

 Al Ministro dell'Ambiente e della tutela del territorio

 Considerato :

 -  che tra domenica e lunedì scorso, una manovra sbagliata o forse un incidente all'interno del Centro Olii di Viggiano ha causato la fuoriuscita di un rilevante quantitativo di greggio;

 - che il greggio si è riversato nelle condotte di scarico che portano al depuratore gestito dal Consorzio di Bonifica dell'Alta Val d'Agri;

 - che con le piogge insistenti dei giorni scorsi il depuratore non è riuscito a smaltire completamente il flusso di acque reflue, ha traboccato e pertanto una consistente quantità di petrolio è fuoriuscita dall'impianto di depurazione ed è finita nei canali di scolo che portano al fiume Agri (si fa presente che il fiume Agri è vicinissimo al Centro olii, circa 200 metri in linea d'aria);

 - che il petrolio greggio è affluito anche in una vasca di raccolta del Consorzio di bonifica utilizzata generalmente per usi irrigui in agricoltura;

 si chiede di sapere:

 1.      Quando si è verificato l'incidente?

2.      da cosa è stata provocata  la fuoriuscita del greggio dagli impianti del Centro Olii?

3.      Qual è il quantitativo di greggio che è fuoriuscito?

4.      Se il greggio ha raggiunto il fiume Agri e quindi il bacino del Pertusillo;

5.      Se esiste un piano di prevenzione o di intervento immediato in grado di far fronte tempestivamente ad un'emergenza di questo tipo o magari ancora più grave, oppure si è completamente in balìa dell'ENI;

6.      Quale ruolo hanno svolto in tale disastrosa circostanza le autorità comunali, provinciali e regionali preposte alla vigilanza del territorio;

7.      Quali iniziative si intendono porre in essere vista l'inerzia della Regione Basilicata affinchè si ponga rimedio allo strapotere dell'ENI che nella fattispecie è controllato e controllore nello stesso tempo, in ordine al monitoraggio ambientale, alla sicurezza ed alla salvaguardia del territorio, il tutto nel contesto di quanto richiesto con l'interpellanza del 5.11.2001.

  

Roma Senato, 21.03.2002

Sen. Egidio L. Ponzo

Torna a Comunicati

Torna a Lucani: Popolo in via di estinzione