Periodico indipendente su Ambiente, Sud e Mediterraneo / Fondato il 23 dicembre 2015
 

Caso Alpi-Hrovatin, chiesta l’archiviazione

Impossibilità di risalire al movente ed agli autori degli omicidi dell’inviata del Tg3 Ilaria Alpi e dell’operatore Miran Hrovatin, avvenuti il 20 marzo 1994 a Mogadiscio, in Somalia, e nessuna prova di presunti depistaggi. La procura di Roma chiude, con una richiesta di archiviazione, l’inchiesta sui fatti di 23 anni fa. A decidere, ora, sarà il giudice per le indagini preliminari.

A firmare la richiesta di archiviazione, previo visto del procuratore Giuseppe Pignatone, il pubblico ministero, Elisabetta Ceniccola, magistrato che assunse la titolarità degli accertamenti dopo che il giudice per le indagini preliminari, Emanuele Cersosimo, nel dicembre 2007, respinse un’analoga richiesta di archiviazione sul duplice omicidio disponendo ulteriori accertamenti.

Nel provvedimento, circa ottanta pagine, firmato dal pubblico ministero Ceniccola ci sono le risposte ai quesiti posti all’epoca dal giudice per le indagini preliminari Cersosimo e l’indicazione degli elementi, a cominciare dall’impossibilità di attivare indagini in Somalia, che impediscono di accertare il movente e gli autori degli omicidi.

Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
Autore:

Responsabile del Comitato Legamjonici di Taranto. Nel 2010 consulente di parte nell’inchiesta “Ambiente svenduto” sull’Ilva.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO