Il lago di San Pietro in Irpinia e il Grande spettacolo dell'acqua

Irpinia, ora sui giochi d’acqua c’è chi vuol vederci chiaro

/ 8:14 pm in Territori di

Dopo il nostro articolo inerente i giochi d’acqua sul Lago San Pietro sembrerebbe muoversi qualcosa sul territorio. Il Comitato civico Piazza Libertà chiede lo svolgimento di un’assemblea pubblica ai Comuni di Monteverde, Lacedonia, Aquilonia e Bisaccia, con una lettera aperta ai sindaci.

A seguito dell’emanazione delle delibere comunali che hanno avviato l’iter procedurale per la concessione ventennale, da parte della Regione Campania, delle aree del bacino imbrifero Lago San Pietro-Aquilaverde e della Foresta Mezzana, il Comitato civico Piazza Libertà invita le amministrazioni comunali di Monteverde, Lacedonia, Aquilonia e Bisaccia ad indire un’assemblea pubblica congiunta nella quale si chiariscano – nell’ottica di quei valori di trasparenza e partecipazione fino ad oggi venuti a mancare – gli obiettivi, gli indirizzi e i progetti legati ad un’iniziativa che riveste indubbiamente un grande interesse per il futuro delle aree in cui viviamo e che, per tanto, non può come finora è accaduto, esimere chi ci amministra dal coinvolgere in maniera diretta tutti gli attori locali presenti sul territorio.

Convinti che non è mai troppo tardi per un cambiamento di rotta in direzione di una democrazia partecipata e consapevole chiediamo, dunque, un confronto pubblico aperto a cittadini, associazioni, comitati, commercianti, imprenditori in cui venga fatta luce sulle ragioni e le intenzioni alla base della richiesta di concessione dei terreni demaniali in oggetto, ed illustrati i reali contenuti della programmazione, affinché l’intero corpo sociale possa sedere ad un tavolo di lavoro comune, dopo essere stato adeguatamente informato su un progetto che, vincolando per venti anni una porzione imponente di territorio, avrà inevitabilmente delle ricadute su di esso.

Sostieni Terre di frontiera

Se sei arrivato fin qui è evidente che apprezzi il nostro modo di fare informazione. Ma per proseguire nel percorso intrapreso nel 2016 abbiamo bisogno di un aiuto.
Il tuo sostegno è indispensabile per continuare a realizzare inchieste sul campo, documentare e raccontare.
Le nostre inchieste si compongono di testi, immagini e video con costi importanti in tutte le fasi di produzione.

Terre di frontiera è un periodico indipendente prodotto da
giornalisti, fotografi, attivisti ed esperti di tematiche ambientali.

Terre di frontiera non riceve finanziamenti pubblici e sopravvive grazie al contributo spontaneo
dei suoi ideatori e alle donazioni dei lettori.

L’informazione libera ha bisogno del sostegno di tutti. L’informazione libera assume un ruolo importante e di responsabilità, anche e soprattutto nell’ottica di superare l’emarginazione territoriale e culturale.

Se vuoi puoi sostenere Terre di frontiera cliccando qui. Grazie!

Lascia un commento

Your email address will not be published.