Gli operatori della Croce Rossa Italiana, Comitato regionale Puglia, in servizio presso la baraccopoli di Borgo Mezzanone // Archivio Terre di Frontiera

“Ci adoperiamo unicamente in supporto della vulnerabilità di tutti i migranti”: il comunicato della Cri, sezione Puglia

/ 9:52 am in Note stampa di

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato della Croce Rossa Italiana – Comitato Regionale Puglia – di chiarimento e parziale rettifica del post pubblicato il 12 marzo scorso sulla nostra pagina Facebook in merito alle attività svolte dagli operatori Cri nella baraccopoli di Borgo Mezzanone, in provincia di Foggia.

“In riferimento alla notizia pubblicata in data odierna ( 12 marzo 2019, ndr) sul giornale online Terre di Frontiera in merito alle attività svolte da Croce Rossa Italiana presso l’ex Pista adiacente il Cara di Borgo Mezzanone (Fg),” scrive il Comitato Regionale Puglia della Croce Rossa Italiana, “si rende noto che i volontari Cri si adoperano in modo indipendente e disinteressato, unicamente in supporto alle vulnerabilità dei presenti, senza alcuna distinzione, attraverso la distribuzione di beni di prima necessità (kit igienici, coperte, scarpe, vestiario). In nessun modo l’attività di Croce Rossa Italiana è rivolta all’identificazione e al riconoscimento dei vulnerabili migranti presenti, tantomeno ad azioni di sgombero controllato. Tanto si doveva per chiarezza di informazione e nel rispetto dei principi a fondamento dell’associazione della Croce Rossa Italiana.”

Sostieni Terre di frontiera

Se sei arrivato fin qui è evidente che apprezzi il nostro modo di fare informazione. Ma per proseguire nel percorso intrapreso nel 2016 abbiamo bisogno di un aiuto.
Il tuo sostegno è indispensabile per continuare a realizzare inchieste sul campo, documentare e raccontare.
Le nostre inchieste si compongono di testi, immagini e video con costi importanti in tutte le fasi di produzione.

Terre di frontiera è un periodico indipendente prodotto da
giornalisti, fotografi, attivisti ed esperti di tematiche ambientali.

Terre di frontiera non riceve finanziamenti pubblici e sopravvive grazie al contributo spontaneo
dei suoi ideatori e alle donazioni dei lettori.

L’informazione libera ha bisogno del sostegno di tutti. L’informazione libera assume un ruolo importante e di responsabilità, anche e soprattutto nell’ottica di superare l’emarginazione territoriale e culturale.

Se vuoi puoi sostenere Terre di frontiera cliccando qui. Grazie!

Lascia un commento

Your email address will not be published.