Immagini dal ghetto Tre Titoli di Cerignola, in provincia di Foggia
Foto: Un uomo, di ritorno dal lavoro nei campi, si dirige verso "casa". Nel ghetto di Tre Titoli // Emma Barbaro

Coronavirus in Basilicata, tutelare la salute dei migranti

2 minuti di lettura

Libera, Anpi e Uds scrivono ai prefetti di Potenza e Matera, al presidente della Giunta regionale e all’assessore all’Agricoltura della Regione Basilicata.

Le condizioni dei lavoratori stranieri impiegati in agricoltura, nella Regione Basilicata, in particolare nel Vulture-Alto Bradano e nel Metapontino, sono molto spesso gravissime. I luoghi in cui sono costretti a vivere sono insalubri e indecenti. Il rischio che il Covid-19 arrivi in quegli aggregati, tramutandoli in focolai della pandemia, è motivo di fondata apprensione. Per questo, Libera – Associazione nomi e numeri contro le mafie, l’ANPI e l’UDS, chiedono tutele reali. Non si deve lasciare indietro nessuno, meno che mai gli ultimi, già fortemente sfruttati. Essi sono per noi indispensabili poiché assicurano il rifornimento alimentare di tutto il paese. Occorre un intervento immediato e concreto per tutelare la salute dei migranti. È una questione di sicurezza, oltre che di civiltà, perché i ghetti possono diventare dei focolai a causa delle pessime condizioni sanitarie in cui sono costretti a vivere. Occorre rafforzare, altresì, le misure di contrasto al fenomeno del caporalato e dello sfruttamento in agricoltura. Fra pochi giorni inizia la raccolta degli ortaggi, necessita maggiore manodopera per la raccolta delle fragole nel Metapontino e nella zona di Policoro e iniziano i lavori per la preparazione del terreno e semina dei pomodori. Occorre fare presto e trovare, il prima possibile, i mezzi e le risorse per far fronte a questa emergenza sanitaria e di civiltà. Assume, di nuovo, carattere di urgenza una regolarizzazione definitiva di questi lavoratori per far emergere chi è costretto a vivere e lavorare in condizioni di irregolarità. Sarebbe una misura di giustizia e di salvaguardia dell’interesse nazionale. E’ necessario che le Istituzioni ricordino che chi arriva da noi cerca una speranza, una libertà, una dignità, una terra promessa.

(*) di Michele Petraroia, Anpi; Gerardo Melchionda, Libera; Stefano Lopes, Uds

1 Comment

  1. E’ penoso…lasciare un commento senza escludere la RIVOLTA,,ma purtroppo noi consideriamo l’Occidente….” il migliore dei mondi possibili….anche con il corona Virus con legittima esigenza della “omologazione a sè…. Se incombe sul nostro bel paese AUTONOMIA DIFFERENZIATA DAI Terroni che prospettive possiamo ipotizzare per un territorio gestito talle mafie? scusate il tono da Apocalisse ma le nostre difese possono trovare riscontro in associazioni come Libera e don Ciotti,sono queste le energie a cui dare tutto il sostegno possibile,sono convoi Nellina Guarnieri

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito utilizza Cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Privacy Policy