Asbeschool

Il docufilm AsbeSchool a Montecitorio

in Meridiano di

“AsbeSchool – stop amianto a scuola” è un reportage e un documentario d’inchiesta realizzato, dopo due anni di ricerche e indagini, dalla giornalista Stefania Divertito e con la regia di Luca Signorelli. Finanziato dal crowdfunding, e in parte autoprodotto, AsbeSchool sarà proiettato in anteprima nazionale il 27 marzo 2017 alla Camera dei Deputati.

Sono 2400 le scuole italiane con amianto. Circa 350 mila tra studenti, insegnanti e personale amministrativo esposti al rischio. Solo tra 30, 40 anni, potranno capire se la contaminazione c’è stata. Ed è una strage silenziosa figlia della burocrazia e della noncuranza. Di tutto questo si parla del documentario “AsbeSchool – stop amianto a scuola” realizzato, dopo due anni di ricerche e di indagini, dalla giornalista Stefania Divertito e con la regia di Luca Signorelli. Finanziato dal crowdfunding, e in parte autoprodotto, “AsbeSchool” sarà proiettato in anteprima nazionale il 27 marzo 2017 alla Camera dei Deputati (Sala della Regina, Palazzo Montecitorio) nell’ambito di un convegno sui 25 anni della legge sull’amianto che vede tra i partecipanti: Ezio Bonanni, presidente Osservatorio nazionale amianto, Salvatore Garau, Afeva, il magistrato Bruno Giordano, consulente per la redazione del testo unico sull’amianto del governo, Valerio Gennaro, epidemiologo, dirigenti del ministero dell’Ambiente e della Salute.

AsbeSchool è un reportage e un documentario di inchiesta: gli autori hanno girato tra Bari, Firenze, Casale Monferrato, Rosignano, Sardegna, Roma.

Le scuole spesso sono poco o per nulla monitorate. Perché la mappatura è incompleta e accade – come a Roma, ad esempio – che un semplice intervento di manutenzione faccia scoprire che nelle mura e nei pavimenti c’è amianto. E adesso iniziano ad ammalarsi anche i professori. Secondo l’ultimo Registro Tumori sono 62 i docenti vittime dell’amianto.

È incredibile che ancora oggi ci siano studenti esposti all’amianto”, denuncia il pm torinese Raffaele Guariniello, intervistato in AsbeSchool. “Il problema dell’amianto nelle scuole non può essere affrontato caso per caso, per ogni singola scuola. Ma è un problema nazionale e chi ci governa deve farsene carico.

Sostieni Terre di frontiera

Se sei arrivato fin qui è evidente che apprezzi il nostro modo di fare informazione. Ma per proseguire nel percorso intrapreso nel 2016 abbiamo bisogno di un aiuto.
Il tuo sostegno è indispensabile per continuare a realizzare inchieste sul campo, documentare e raccontare. Le nostre inchieste si compongono di testi, immagini e video con costi importanti in tutte le fasi di produzione.
Terre di frontiera è un periodico indipendente prodotto da giornalisti, fotografi, attivisti ed esperti di tematiche ambientali.
Terre di frontiera non riceve finanziamenti pubblici e sopravvive grazie al contributo spontaneo dei suoi ideatori e alle donazioni dei lettori.
L’informazione libera ha bisogno del sostegno di tutti. L’informazione libera assume un ruolo importante e di responsabilità, anche e soprattutto nell’ottica di superare l’emarginazione territoriale e culturale.

Se vuoi puoi sostenere Terre di frontiera cliccando qui. Grazie!

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.