• 13.jpg
    Foto: Un operaio dentro al cantiere Tap (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 12.jpg
    Foto: Rina all'interno del terreno agricolo dov'era situato il presidio No Tap (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 11.jpg
    Foto: Pranzo a S.Basilio al termine del corteo (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 10.jpg
    Foto: Pranzo a S.Basilio al termine del corteo (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 9.jpg
    Foto: Tonia seduta sotto un ulivo, durante il pranzo a S.Basilio al termine del corteo (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 8-1.jpg
    Foto: Alfonso frigge del pesce all'interno del terreno agricolo dov'era situato il presidio No Tap (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 7-1.jpg
    Foto: Pranzo a S.Basilio al termine del corteo (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 6-1.jpg
    Foto: Michele, "nonno" del movimento No Tap (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 5-1.jpg
    Foto: Reticolato e attivisti (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 4-1.jpg
    Foto: Un elicottero della polizia sorvola costantemente il corteo diretto a S.Basilio (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 3-1.jpg
    Foto: Manifestazione per i due anni di lotta contro il gasdotto (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 2-1.jpg
    Foto: Bartolomeo, videomaker del movimento No Tap, di fronte il cantiere Tap (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 1-1.jpg
    Foto: Tratto del futuro gasdotto Tap (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini
© Matthias Canapini

Due anni di lotta No Tap

/ 10:11 pm in Fotoreportage di

Lo scorso 17 marzo scorso il Movimento No Tap ha celebrato due anni di lotta contro la realizzazione del gasdotto Trans Adriatic Pipeline.
Il corteo, composto da circa duecento manifestanti – tra attivisti, simpatizzanti e membri di associazioni ambientaliste – giunti da Bari, Taranto e Potenza, ha marciato fino al cantiere di San Basilio, dove Tap sta lavorando allo scavo del micro-tunnel del metanodotto che approderà nel mare di San Foca, passando sotto la spiaggia. «Siamo qui per ricordare che quest’opera non deve essere solo fermata, ma va rimesso in discussione tutto quanto un sistema che in nome del profitto devasta terre e tradizioni», racconta Gianluca Maggiore, portavoce del movimento.

Sostieni Terre di frontiera

Se sei arrivato fin qui è evidente che apprezzi il nostro modo di fare informazione. Ma per proseguire nel percorso intrapreso nel 2016 abbiamo bisogno di un aiuto.
Il tuo sostegno è indispensabile per continuare a realizzare inchieste sul campo, documentare e raccontare.
Le nostre inchieste si compongono di testi, immagini e video con costi importanti in tutte le fasi di produzione.

Terre di frontiera è un periodico indipendente prodotto da
giornalisti, fotografi, attivisti ed esperti di tematiche ambientali.

Terre di frontiera non riceve finanziamenti pubblici e sopravvive grazie al contributo spontaneo
dei suoi ideatori e alle donazioni dei lettori.

L’informazione libera ha bisogno del sostegno di tutti. L’informazione libera assume un ruolo importante e di responsabilità, anche e soprattutto nell’ottica di superare l’emarginazione territoriale e culturale.

Se vuoi puoi sostenere Terre di frontiera cliccando qui. Grazie!

Tags:

Nato nel 1992 a Fano, in provincia di Pesaro-Urbino, nelle Marche. Quando può viaggia in Italia e nel mondo per raccontare storie a passo d’uomo, con taccuino e macchina fotografica. Tra il 2015 e il 2018 ha pubblicato "Verso Est", "Eurasia Express", "Il volto dell’altro", "Terra e dissenso" e "Il Passo dell'Acero Rosso".

Lascia un commento

Your email address will not be published.