Pale eoliche nel Vulture, Basilicata
Foto: Pale eoliche del progetto “Il Finocchiaro” di Lavello // Pellegrino Tarantino

Eolico «no limits»

/ 5:46 pm in Inchieste/Territori di

Diverse aree del Sud Italia sono interessate da grandi impianti eolici con potenza oltre i limiti (non prescrittivi) indicati nei Piani di indirizzo energetico ambientali regionali (Piear). In alcune regioni, come la Basilicata dello sfruttamento petrolifero e di quello eolico, si assiste al fenomeno della “saturazione”, che sta causando lo stravolgimento dei connotati fisici e geografici del territorio. A chi fa capo il business delle società eoliche? Qual è il ruolo delle rinnovabili in Italia, trasformate in poco tempo, da opportunità ad affare per pochi?

Il Sud Italia è sempre più terra di conquista per le società energetiche, da quelle petrolifere a quelle eoliche. Infatti, sono stati depositati presso il ministero dell’Ambiente, come previsto dalla legge sulla Valutazione d’impatto ambientale (Via), nuovi progetti di mega-impianti eolici con potenza superiore a 30 megawatt. I progetti di parchi eolici con potenze inferiori, invece, continuano il loro iter presso gli uffici preposti delle Regioni.
Ma l’intenso sfruttamento energetico al Sud, e in Basilicata, sta creando impatti significativi sul territorio (il paesaggio e la bellezza non riguardano solo Matera), mentre le infrastrutture energetiche (pozzi petroliferi, elettrodotti, centri di trattamento e stoccaggio, cavidotti, centrali di smistamento) e quelle di supporto (strade, cementificazione) creano profitto per pochi ed impatti rilevanti per l’ambiente e le comunità locali.

SERVITÙ ENERGETICHE
La Basilicata in questi ultimi anni è interessata da una nuova corsa al vento con una infrastrutturazione eolica da parte delle multinazionali dell’energia che sta avvenendo in sordina, nel disinteresse mediatico, al di fuori di ogni criterio di programmazione (Piano di indirizzo energetico ambientale regionale) e in assenza di un Piano paesistico regionale che avrebbe potuto scongiurare impatti ambientali in aree protette e sensibili dal punto di vista paesaggistico. La Regione Basilicata per cercare di tamponare la “saturazione” e il consumo di suolo è corsa ai ripari, seppur in ritardo, con alcune modifiche normative inserite nella legge regionale di Bilancio 2018 (la n.38/2018), che il Governo ha pensato di impugnare presso la Corte Costituzionale nella recente riunione del Consiglio dei ministri datata 17 gennaio 2019.
Norme regionali che avevano l’intento tardivo di arginare il cosiddetto “effetto cumulo” degli impianti eolici sul territorio che stanno causando impatti ambientali e paesaggistici rilevanti. Dietro queste decisioni governative ci sarebbe la decisione (non dichiarata dall’Italia) di vendere l’energia prodotta nel nostro Paese alla Francia – considerato il fermo di un terzo delle centrali nucleari francesi – causando il rialzo dei prezzi in mezza Europa, mentre società francesi preferiscono entrare direttamente oggi nel business delle rinnovabili italiane e in Basilicata.

LA TRASFIGURAZIONE FISICA E GEOGRAFICA DEL TERRITORIO DELLA BASILICATA
In Basilicata, in due anni, sono stati presentati progetti mega eolici (presso la Regione e presso il ministero dell’Ambiente) da 18 società eoliche con 178 nuove torri eoliche e un incremento di 541,1 megawatt, che porterebbero nei prossimi anni la potenza installata per la fonte eolica in Basilicata ad oltre 1.744 megawatt, come già documentato da Terre di frontiera nell’approfondimento “Dove soffia il vento eolico?”. Il Piano di indirizzo energetico ambientale della Basilicata prevedeva invece, al 2020, per la sola fonte eolica un fabbisogno di 981 megawatt, pari al 60 per cento delle altre fonti rinnovabili, mentre per il solare-fotovoltaico prevedeva, al 2020, 359 megawatt (20 per cento), per le biomasse 50 megawatt (15 per cento) e, infine, per l’idroelettrico 48 megawatt. Quote, queste, che già nel 2017 risultavano ampiamente superate, specialmente per la fonte eolica. Così come mostrano i dati elaborati da quelli del Gse (Gestore servizi elettrici). La tabella che segue mostra dove sono ubicati i nuovi impianti eolici, con lo status attuale delle procedure in corso. Lo saranno ancor di più nei prossimi anni.

LE SOCIETÀ DEL VENTO
Solo apparentemente i nomi delle nuove 18 società – la maggior parte a responsabilità limitata – i cui progetti sono in fase di approvazione, ricondurrebbero ad investitori locali, i quali entrano solo in qualità di mediatori e/o progettisti delle opere, con attività in alcuni settori dei media e del turismo regionale.
In realtà, dietro le sedi fisiche (spesso solo postali o in qualche caso addirittura fittizie) ci sono le multinazionali che si sono lanciate nel business dell’eolico italiano, investendo e fruendo dei notevoli incentivi pubblici erogati dallo Stato, “compensando” per le concessioni delle aree, i singoli proprietari dei suoli e i mediatori locali e, solo in qualche caso, i Comuni.
È il caso della Bel Lavello srl, con sede a Venosa, interessata ad un impianto eolico denominato “Forentum” (da 39,6 megawatt), che è una filiale locale della multinazionale “casa madre” con capitali franco-svizzeri e sede in Lussemburgo, che possiede il 100 per cento della società.
Il caso dell’Eolica Muro Lucano srl, vede la filiale italiana, con sede a Potenza, ricondurre al colosso dell’eolico francese Usb Energies Nouvelles con sedi a Parigi e altre città della Francia.
Altre società afferiscono direttamente o indirettamente a società operanti nel settore delle rinnovabili (Liguria, Lombardia, Trentino Alto-Adige, Veneto e Emilia Romagna) con immobiliari, finanziarie e banche del nord nel ruolo di investitori. Non mancano società operanti nel settore fossile che hanno interessi anche nel settore eolico nel sud Italia e in Basilicata.
Analogamente per le altre società interessate ad investire con i loro progetti in Basilicata, che vedono nelle loro società partecipazioni anche straniere. Tra i casi di “compensazioni” ambientali promesse ai Comuni che dovrebbero ospitare il nuovo “mega eolico” in via di autorizzazione presso il ministero dell’Ambiente, c’è il caso della Milonia srl, società controllata da Termomeccanica group spa di La Spezia interessata a realizzare una mega wind farm da 60 megawatt nei comuni di Montemilone ed opere infrastrutturali a Venosa, Genzano di Lucania, Palazzo San Gervasio. La società ha promesso di sostenere economicamente il progetto del Comune di Montemilone con interventi e opere edili e civili.
Per due impianti eolici pubblicati di recente sul sito del ministero dell’Ambiente le osservazioni da parte del pubblico nell’ambito della procedura Via ministeriale (da presentarsi da parte di associazioni, enti locali e cittadini) scadono nel mese di marzo 2019. Come segnalato nella tabella che segue.

NUOVE ISTANZE VIA PER MEGA EOLICO IN BASILICATA

Nuove istanze Via per impianti eolico in Basilicata
Fonte: Elaborazione Antonio Bavusi per Terre di frontiera

Sostieni Terre di frontiera

Se sei arrivato fin qui è evidente che apprezzi il nostro modo di fare informazione. Ma per proseguire nel percorso intrapreso nel 2016 abbiamo bisogno di un aiuto.
Il tuo sostegno è indispensabile per continuare a realizzare inchieste sul campo, documentare e raccontare.
Le nostre inchieste si compongono di testi, immagini e video con costi importanti in tutte le fasi di produzione.

Terre di frontiera è un periodico indipendente prodotto da
giornalisti, fotografi, attivisti ed esperti di tematiche ambientali.

Terre di frontiera non riceve finanziamenti pubblici e sopravvive grazie al contributo spontaneo
dei suoi ideatori e alle donazioni dei lettori.

L’informazione libera ha bisogno del sostegno di tutti. L’informazione libera assume un ruolo importante e di responsabilità, anche e soprattutto nell’ottica di superare l’emarginazione territoriale e culturale.

Se vuoi puoi sostenere Terre di frontiera cliccando qui. Grazie!

Giornalista e sociologo. È autore di numerosi saggi e ricerche sulle tematiche naturalistiche. Ha prodotto studi sociali e ricerche storiche sui beni monumentali, il patrimonio ambientale e la loro tutela. Website: www.pandosia.org

Lascia un commento

Your email address will not be published.