di Pietro Dommarco

Con il fuoco dentro

in Editoriali di

Il primo di anno di Terre di frontiera non si è ancora concluso. Il mensile di gennaio, in uscita il 15, è il penultimo delle prime dieci edizioni. In compenso abbiamo già un 2016 da raccontare. Con alti e bassi.
Intanto, una vittoria l’abbiamo ottenuta: continuare ad esserci in questo 2017. Non era così scontato. Perché parlare di ambiente e di Sud non è facile. Soprattutto attraverso gli strumenti dell’approfondimento e dell’inchiesta giornalistica. Affrontando temi che troppo spesso non accomunano per sensibilità, sostegno ed interesse, in un particolare contesto storico, culturale e di comunità che ci divide, più di quanto dovrebbe unirci.
Un panorama informativo, frammentario, particolarmente dedito a non calpestare i piedi anziché metterli uno davanti l’altro per imboccare la strada della denuncia. Sarà anche una figura retorica, ma una figura retorica che se non attuata ci calpesterà. Consentitemi col dire che è proprio questo il compito del giornalista. Tutto il resto è un cattivo esercizio di stile ed inutile. Un compito che mi rende orgoglioso.
Abbiamo raccontato, senza alcuna vergogna, un Mezzogiorno d’Italia svenduto ed avvelenato. Ma con la voglia di reagire. Abbiamo incontrato pochissima rassegnazione e, al tempo stesso, tantissima usurpazione. Di diritti negati, di democrazie tradite, di istituzioni latitanti, di domande senza alcuna risposta.
Voler bene alla propria terra non significa solo raccontarne la bellezza patinata che distrae. Narrare, con metafore, di rivalsa e riscatto eterno. Amare la propria terra significa anche raccontarne gli aspetti più dolorosi. Le ferite. E fare in modo che abbiano una cura.
Abbiamo perseguito la verità. Senza la presunzione di essere gli unici a farlo. E riconoscere in altri lo stesso spirito.
In cambio abbiamo ottenuto l’isolamento, l’indifferenza, il finto sostegno, molte porte sbattute in faccia, intimidazioni. Hanno provato a dividerci anche dall’interno. Una silenziosa guerra intestina che non ha minimamente spostato la barra dritta del nostro cammino.
Grazie ai tantissimi lettori e simpatizzanti (che, mai paghi, continuano a sostenerci) noi siamo qui.
Curiosi e con il fuoco dentro.

Sostieni Terre di frontiera

Se sei arrivato fin qui è evidente che apprezzi il nostro modo di fare informazione. Ma per proseguire nel percorso intrapreso nel 2016 abbiamo bisogno di un aiuto.
Il tuo sostegno è indispensabile per continuare a realizzare inchieste sul campo, documentare e raccontare. Le nostre inchieste si compongono di testi, immagini e video con costi importanti in tutte le fasi di produzione.
Terre di frontiera è un periodico indipendente prodotto da giornalisti, fotografi, attivisti ed esperti di tematiche ambientali.
Terre di frontiera non riceve finanziamenti pubblici e sopravvive grazie al contributo spontaneo dei suoi ideatori e alle donazioni dei lettori.
L’informazione libera ha bisogno del sostegno di tutti. L’informazione libera assume un ruolo importante e di responsabilità, anche e soprattutto nell’ottica di superare l’emarginazione territoriale e culturale.

Se vuoi puoi sostenere Terre di frontiera cliccando qui. Grazie!

Giornalista, direttore del periodico Terre di frontiera. Reporter per la Terra 2016 e Premio internazionale all'impegno sociale 2015 Livatino-Saetta-Costa. About me

Lascia un commento

Your email address will not be published.