Nel ghetto di Borgo Mezzanone, Foggia
Foto: Una camionetta dell’Esercito monitora i flussi al di là della rete metallica del Cara // Emma Barbaro

I rifugiati dell’informazione

in Editoriali di

Sull’edizione cartacea di Repubblica dell’11 ottobre, Luca Bottura (che ringrazio anticipatamente, ma a me sconosciuto fino a ieri) in un articolo titolato “Le fake news ai raggi X” cita Terre di frontiera.
L’argomento è, da qualche giorno, abbastanza noto. Riguarda un fatto di cronaca che ha visto coinvolti – in prima battuta – Omar Jallow, ventiseienne originario del Gambia ed alcuni agenti della Poltrada, e in seconda battuta il Sindacato autonomo di polizia (Sap), il ministro dell’Interno ed una serie di emittenti e testate giornalistiche locali e nazionali. Ma andiamo con ordine.
Il 5 ottobre, nei pressi del ghetto di Borgo Mezzanone, a Foggia, agenti della Polstrada intimano l’alt a un’auto che procede a velocità sostenuta. Alla guida c’è Omar Jallow che non si ferma al posto di blocco rischiando di investire uno degli agenti. La corsa di Omar Jallow finirà di lì a poco: inseguito, fermato e ammanettato, alla presenza di numerosi ospiti del Centro accoglienza richiedenti asilo (Cara) e del ghetto foggiani.
Il Sap di Foggia, qualche ora dopo, commenta così l’episodio: «[…] poliziotti impegnati in un preciso servizio istituzionale, qualche giorno fa, all’esterno del Cara di Borgo Mezzanone, sono stati oggetto di una vile aggressione messa in atto da più di una cinquantina di cittadini extracomunitari che li hanno accerchiati colpendoli ripetutamente con calci, pugni e oggetti contundenti. Ai colleghi sono stati riscontrati seri danni giudicati guaribili in giorni 30 e 15 di prognosi e solo l’arrivo di ulteriori rinforzi della Polizia di Stato e altre forze dell’ordine hanno scongiurato il peggio.»
La notizia rimbalza su tutti i giornali e arriva al ministro dell’Interno, Matteo Salvini, il quale a mezzo tweet commenta la notizia con l’ormai proverbiale: «la pacchia è finita», a corredo della solita propaganda sul neonato decreto Sicurezza e dintorni.
Nel caos mediatico, Terre di frontiera – in esclusiva – riceve e pubblica due video, a supporto dell’ottimo articolo di Emma Barbaro (“Cosa è accaduto a Borgo Mezzanone?”).
Una ricostruzione dei fatti diversa dalle notizie emerse fino a poche ore prima, semplicemente perché dà voce all’altra parte in causa: i numerosi ospiti del Cara e del ghetto di Borgo Mezzanone presenti in quei momenti concitati. Che nessuno, ovviamente, ha pensato di interpellare, perché quando ti tolgono la voce sei debole e vulnerabile. Perché gli ospiti del Cara e del ghetto di Borgo Mezzanone, fin da subito, non sono stati considerati una delle parti in causa. Ma esclusivamente la causa.
Il 10 ottobre, l’Ansa Puglia e La Repubblica Bari menzionano i video e riportano una nuova dichiarazione del Sap di Foggia: «Quei video parlano da soli, basta vederli attentamente. È chiaro che non ci sono calci e pugni. Ma ci sono due poliziotti accerchiati da più di 50 persone che hanno cercato tantissime volte di sottrarre all’arresto il cittadino gambiano che si era reso responsabile del reato.» Il Sap, insomma, a freddo, rettifica le dichiarazioni a caldo. Ma la prognosi resta.
In questa ricostruzione, alimentata da persone che fisicamente sono state (e sono) a Borgo Mezzanone, con ruoli ed esperienze diverse, Luca Bottura – comodamente seduto alla sua scrivania – tra le altre considerazioni (alcune condivisibili ed apprezzabili) si chiede: «Avrà ragione il Sap? Possibile. Avranno ragione i gambiani? Altrettanto possibile. Ma ormai si tratta di un cold case e gli unici a poterlo disvelare saranno i magistrati, magari acquisendo il materiale video. Perché, fermo restando che tentare di impedire un arresto è un reato perseguibile – anche quando succede a Napoli, a Milano, in Sicilia, e magari l’arrestato è un boss mafioso – è sempre cosa buona e giusta definirne i contorni in modo leale e veritiero. O almeno provarci. Cosa che avremmo dovuto fare noi giornalisti, prima che ci pensassero un sito semiclandestino e un signore che come secondo lavoro va a caccia di bufale.»
Sì, certo. Innanzi tutto, voi giornalisti che scrivete di fake news avreste dovuto verificare le fonti scoprendo che Terre di frontiera, testata regolarmente registrata e prodotta da giornalisti regolarmente iscritti all’Ordine (col patentino, insomma), tutt’altro è che un sito semiclandestino.
Avreste scoperto che ci siamo sporcati davvero le mani sulla questione migranti, sulle condizioni disumane di chi vive nei ghetti, sul sistema che li alimenta (a tutti i livelli), sull’indifferenza istituzionale che uccide la civiltà, sull’ignavia politica, sulla gestione dell’accoglienza in un clima di emergenza perenne che sta restituendo frutti marci, sul ruolo delle forze dell’ordine spesso abbandonate a se stesse, sui danni causati dalla criminalità. Avreste scoperto che Borgo Mezzanone è una realtà al limite.
Terre di frontiera ha raccontato tutto questo sul campo, non da casa. Indagando, documentando ed approfondendo. Acquisendo autorevolezza. Senza pressappochismo e senza impartire lezioni abbiamo fatto esattamente quello che avrebbe dovuto fare qualsiasi giornalista degno di essere considerato tale, desideroso di non fermarsi ai tweet, ai sentito dire, agli annunci propagandistici e agli approcci esclusivamente mediatici delle vicende.
Terre di frontiera è, certamente, una piccola realtà, con pochi mezzi e strumenti limitati, ma che su un tema come questo, e su altri, ha deciso di vederci chiaro, con un lavoro minuzioso e permanente. Perché siamo andati a fondo, «in modo leale e veritiero».
Non è un caso, infatti, che i video siano arrivati alla nostra redazione e non alle redazioni di testate più blasonate per le quali magari, prima del 5 ottobre, Borgo Mezzanone rappresentava una frontiera sconosciuta, appartenente ad un universo parallelo.
Invece, capita molto spesso, che il lavoro di piccoli giornali clandestini serva a ricostruire i fatti con dignità e ristabilire un po’ di verità, reale e non social.
È notizia di qualche ora fa, come riferito da TgCom24, che sulla vicenda di Omar Jallow sono state aperte due inchieste: «Una mira ad individuare gli autori dell’aggressione ai poliziotti, l’altra riguarda la legittimità delle modalità di arresto.», come dichiarato dal procuratore capo di Foggia, Ludovico Vaccaro.

Sostieni Terre di frontiera

Se sei arrivato fin qui è evidente che apprezzi il nostro modo di fare informazione. Ma per proseguire nel percorso intrapreso nel 2016 abbiamo bisogno di un aiuto.
Il tuo sostegno è indispensabile per continuare a realizzare inchieste sul campo, documentare e raccontare. Le nostre inchieste si compongono di testi, immagini e video con costi importanti in tutte le fasi di produzione.
Terre di frontiera è un periodico indipendente prodotto da giornalisti, fotografi, attivisti ed esperti di tematiche ambientali.
Terre di frontiera non riceve finanziamenti pubblici e sopravvive grazie al contributo spontaneo dei suoi ideatori e alle donazioni dei lettori.
L’informazione libera ha bisogno del sostegno di tutti. L’informazione libera assume un ruolo importante e di responsabilità, anche e soprattutto nell’ottica di superare l’emarginazione territoriale e culturale.

Se vuoi puoi sostenere Terre di frontiera cliccando qui. Grazie!

Giornalista, direttore del periodico Terre di frontiera. Reporter per la Terra 2016 e Premio internazionale all'impegno sociale 2015 Livatino-Saetta-Costa. About me

2 Commenti

  1. Ciao Pietro, il mio pezzo era ampiamente elogiativo, citava la fonte, e il riferimento alla diffusione (ancora) modesta del vostro lavoro serviva per contrapporla proprio all’ignavia delle testate tradizionali. Io non faccio giornalismo investigativo (e non ho una scrivania, by the way: scrivo da casa o da dove mi capita) e mi pare di aver mostrato rispetto ed empatia per chi, appunto, si sporca le mani e riesce a sovvertire il circuito mainstream. Se Repubblica aveva quella notizia è perché l’ho segnalata io, avendola scoperta attraverso Coltelli. Non è affatto grave che tu non mi conoscessi, purtroppo io non conoscevo te e il tuo sito prima di questa evenienza. Mi spiace se quello che era sostanzialmente un omaggio ti ha urtato. La mia intenzione, come mi pare si evinca dallo scritto dopo più attenta rilettura, era l’esatto contrario. Buon lavoro e complimenti.

    • Ciao Luca, innanzi tutto, grazie per il commento. Ho condiviso nella quasi totalità il tuo articolo (come sottolineato nella mia riflessione), assolutamente non fuori luogo e corretto nella citazione di fonti ed avvenimenti. Non ho, invece, apprezzato alcuni passaggi ed accezioni. Che probabilmente ho frainteso, ma che nella concitazione del momento hanno assunto un peso diverso. Per Terre di frontiera e per la sua modesta diffusione (in questo caso mi trovi d’accordo, purtroppo) seguire le vicende di Borgo Mezzanone e di altri ghetti rappresenta un enorme dispendio di risorse e di energie. E nella maggior parte dei casi, la risposta che otteniamo, è una quasi “criminalizzazione” del nostro lavoro. Come del resto sta accadendo, in parte, nelle ultime ore. Stiamo provando ad uscire dai nostri confini e, nonostante lo scarso successo, abbiamo deciso di andare avanti. Spero di aver conquistato un nuovo lettore. A presto.

Lascia un commento

Your email address will not be published.