Ilva di Taranto
Foto: Ilva di Taranto // Legamjonici

L’interesse strategico non deve prevalere sul diritto alla salute

in Territori di

Da Taranto, Genitori tarantini intervengono sull’Accordo di programma sul tema Ilva, presentato dalla Regione Puglia e dal Comune di Taranto: “Inaccettabile”.

Premesso che: lo stabilimento siderurgico Ilva di Taranto è stato dichiarato stabilimento di interesse strategico nazionale dal decreto legge n.207 del 3 dicembre 2012, come convertito in legge n.231 del 24 dicembre 2012 (articolo 3)”. È questo l’incipit del testo presentato dalla Regione Puglia e dal Comune di Taranto quale base per un accordo di programma sul tema Ilva. Già questo basta, a noi, Genitori tarantini, per bollare come inaccettabile tutto il resto.
Non esiste, in una democrazia occidentale, che un “interesse strategico” possa prevalere sul diritto alla salute minandolo addirittura fino alla morte.
Sappiamo che governare significa agire per la giustizia sociale, la tutela del bene comune e dei diritti garantiti a tutti i cittadini della Repubblica italiana. Queste cose non le dicono alcuni tarantini fanatici e stupidi, sono scritte nella Costituzione della Repubblica italiana, un testo davvero importante, oltre che interessante.
Avremmo voluto che dalla Regione Puglia e dal Comune di Taranto venissero recepite le istanze dei tarantini, le sopravvenute necessità, le nuove posizioni (di segno diametralmente opposto rispetto al passato) riguardo alle produzioni altamente inquinanti.
Si vuole far funzionare una industria, i cui insopportabili danni verranno pagati ancora per anni da migliaia di tarantini, concedendo anche ai nuovi gestori (come ai commissari straordinari prima di questi) l’immunità penale: una ferita inferta alla democrazia e alla giustizia difficilmente sanabile. Eppure, su questo argomento, per noi prioritario, nessun riferimento si riscontra nell’accordo di programma.
Ci sembra, altresì, interessante citare il titolo del testo presentato: “Accordo di programma per la misura delle attività di tutela ambientale e sanitaria di cui al decreto del presidente del Consiglio dei ministri 29 settembre 2017.
Tutelare significa proteggere, difendere. All’articolo 17 dell’Accordo di programma si legge, però, che: “d’intesa con le altre parti stipulanti l’Accordo, la presidenza del Consiglio dei ministri ed il ministero della Salute, nel termine di 12 mesi dalla stipula del presente Accordo, adottano gli interventi normativi di carattere speciale e straordinario per la previsione di indennizzi e tutele per i soggetti interessati da malattie o da decessi accertati con causale diretta all’inquinamento dello stabilimento Ilva di Taranto.
Questo non significa tutelare. Questo è riconoscere, fino a legittimarlo, un risarcimento per un danno sanitario (per quanto già sia estremamente difficile dimostrarne la correlazione) che non dovrebbe essere provocato, non dovrebbe esistere. Da notare, infine, che in questo articolo si dichiara che Consiglio dei ministri e ministero della Salute adotteranno interventi normativi d’intesa con le altre parti stipulanti l’accordo, tra le quali c’è anche AM InvestCo Italy srl, il futuro gestore: una follia.
I Genitori tarantini dichiarano ancora una volta che l’unica via praticabile per far cessare la tremenda tempesta di morti. Malattie e disoccupazione sia la chiusura delle fonti inquinanti, a cominciare dalle più impattanti (quale, appunto, l’Ilva), la bonifica dell’intero territorio compromesso dall’inquinamento industriale (con spese a carico dei colpevoli, privati e pubblici) e la riconversione economica e sociale dell’intera provincia tarantina.

Sostieni Terre di frontiera

Se sei arrivato fin qui è evidente che apprezzi il nostro modo di fare informazione. Ma per proseguire nel percorso intrapreso nel 2016 abbiamo bisogno di un aiuto.
Il tuo sostegno è indispensabile per continuare a realizzare inchieste sul campo, documentare e raccontare. Le nostre inchieste si compongono di testi, immagini e video con costi importanti in tutte le fasi di produzione.
Terre di frontiera è un periodico indipendente prodotto da giornalisti, fotografi, attivisti ed esperti di tematiche ambientali.
Terre di frontiera non riceve finanziamenti pubblici e sopravvive grazie al contributo spontaneo dei suoi ideatori e alle donazioni dei lettori.
L’informazione libera ha bisogno del sostegno di tutti. L’informazione libera assume un ruolo importante e di responsabilità, anche e soprattutto nell’ottica di superare l’emarginazione territoriale e culturale.

Se vuoi puoi sostenere Terre di frontiera cliccando qui. Grazie!

Lascia un commento

Your email address will not be published.