Kadònkegnonfe

Le danze del Sud incontrano i ritmi dell’Africa

in Meridiano di

La cooperativa sociale “Spazi Nuovi” – venerdì 14 luglio, a partire dalle 20 – presenta a Massafra, in provincia di Taranto, il progetto d’integrazione sociale “Kadònkegnonfe”, “danziamo insieme” in lingua mandingo.

La cooperativa sociale “Spazi Nuovi” – a conclusione del laboratorio danzaterapeuta “Apid”, condotto da Stefania Antonicelli, in collaborazione con Caritas Christi Taranto, Centro accoglienza migranti “Il giardino dei sogni” e con il patrocinio del Comune di Massafra – presenta il progetto d’integrazione sociale “Kadònkegnonfe” (“danziamo insieme” in lingua mandingo).

Le danze della tradizione del Sud Italia incontreranno i ritmi dell’Africa occidentale (Guinea e Mali), attraverso un momento di festa e condivisione. Musica dal vivo dei “Suddor’chestra”, band composta da Daria Falco (voce e tamburi), Emmanuel Ferrari (fisarmonica e organetto), Giorgio Doveri (violino). Presente all’evento una mostra fotografica a cura di Vito Montemurro.

L’appuntamento è nella piazzetta antistante il Centro Anziani di Viale Magna Grecia.
Scarica qui, visualizza e diffondi la locandina dell’evento

Sostieni Terre di frontiera

Se sei arrivato fin qui è evidente che apprezzi il nostro modo di fare informazione. Ma per proseguire nel percorso intrapreso nel 2016 abbiamo bisogno di un aiuto.
Il tuo sostegno è indispensabile per continuare a realizzare inchieste sul campo, documentare e raccontare.
Le nostre inchieste si compongono di testi, immagini e video con costi importanti in tutte le fasi di produzione.

Terre di frontiera è un periodico indipendente prodotto da
giornalisti, fotografi, attivisti ed esperti di tematiche ambientali.

Terre di frontiera non riceve finanziamenti pubblici e sopravvive grazie al contributo spontaneo
dei suoi ideatori e alle donazioni dei lettori.

L’informazione libera ha bisogno del sostegno di tutti. L’informazione libera assume un ruolo importante e di responsabilità, anche e soprattutto nell’ottica di superare l’emarginazione territoriale e culturale.

Se vuoi puoi sostenere Terre di frontiera cliccando qui. Grazie!

Lascia un commento

Your email address will not be published.