Progetto Total Tempa Rossa di Corleto Perticara, Pietro Dommarco
di Pietro Dommarco / Foto: Archivio Tdf

L’isola del quorum

in Editoriali di

Il referendum del 17 aprile sulla durata delle concessioni di coltivazione di idrocarburi a mare, entro le 12 miglia dalla costa, si è concluso con un nulla di fatto. Solo il 32,15 percento degli aventi diritto al voto si sono recati alle urne, di cui l’85,84 percento ha votato Sì ed il 14,16 percento ha votato No. Il resto schede bianche (0,66 percento) e schede nulle (1,06 percento). Quorum, pertanto, non raggiunto.
L’unica regione italiana ad aver superato la soglia del 50 percento +1 è stata la Basilicata, con il 50,16 percento (96,40 percento di Sì). Una vera e propria “isola del quorum”, in cui la ventennale attività di estrazione di greggio – dal più grande giacimento in terraferma d’Europa – ha forgiato, nel tempo, una coscienza critica (seppur in ritardo). Anche rispetto agli impatti su ambiente, salute ed economie locali. Sul dato dell’affluenza in Basilicata – così come su quello della città di Taranto (42,51 percento) e dell’intera provincia (41,74 percento), di poco superiori alla media regionale (41,65 percento) – ha influito il clamore mediatico suscitato dall’inchiesta della Procura di Potenza che ha coinvolto i progetti di Eni (Centro olio di Viggiano) e Total (Tempa Rossa), in Basilicata e Puglia.
Ed è proprio su questo abbiamo costruito il nostro speciale, cercando di raccontare – mettendo da parte i numeri referendari – cosa accade in queste “isole”. Passando per quelle dinamiche e quegli sviluppi che per anni le hanno estromesse dalla cronaca nazionale, relegandole in una dimensione locale regolata da norme proprie, in cui l’attivismo di pochi e storici comitati locali ha pagato il prezzo dell’emarginazione di lotta condotta su altri fronti.
Abbiamo costruito il nostro racconto tenendo conto della strada tracciata dagli inquirenti. Né più né meno. Citando i documenti in nostro possesso. Consapevoli che le misure di custodia cautelare e le ipotesi di reato non rappresentano condanne definitive, non potevamo esimerci da una ricostruzione dei fatti.


Sostieni Terre di frontiera

Se sei arrivato fin qui è evidente che apprezzi il nostro modo di fare informazione. Ma per proseguire nel percorso intrapreso nel 2016 abbiamo bisogno di un aiuto.
Il tuo sostegno è indispensabile per continuare a realizzare inchieste sul campo, documentare e raccontare. Le nostre inchieste si compongono di testi, immagini e video con costi importanti in tutte le fasi di produzione.
Terre di frontiera è un periodico indipendente prodotto da giornalisti, fotografi, attivisti ed esperti di tematiche ambientali.
Terre di frontiera non riceve finanziamenti pubblici e sopravvive grazie al contributo spontaneo dei suoi ideatori e alle donazioni dei lettori.
L’informazione libera ha bisogno del sostegno di tutti. L’informazione libera assume un ruolo importante e di responsabilità, anche e soprattutto nell’ottica di superare l’emarginazione territoriale e culturale.

Se vuoi puoi sostenere Terre di frontiera cliccando qui. Grazie!

Giornalista, direttore del periodico Terre di frontiera. Reporter per la Terra 2016 e Premio internazionale all'impegno sociale 2015 Livatino-Saetta-Costa. About me

Lascia un commento

Your email address will not be published.