Tematica

I danneggiati

Crotone e il miraggio delle bonifiche

/

La storia del sito d’interesse nazionale Crotone, Cassano e Cerchiara Calabra è una storia quasi dimenticata. Cinquecento ettari di terra e mille di mare interessati da contaminazioni industriali, tra rifiuti e discariche. Quattromila anni per una bonifica completa. Cominciamo a raccontarla con l’ingegnere chimico Vincenzo Voce, che conosce bene i veleni che si celano nel crotonese. La società Pertusola Sud spa, con sede a Crotone, ha prodotto semilavorati e leghe di zinco fino alla sua dismissione, avventa nel 1999. A partire dal 2001 – con decreto legislativo n.468/2001 del ministero dell’Ambiente – Crotone, Cassano e Cerchiara Calabra, vengono dichiarati Siti…

Avvelenati e beffati. Il giallo di Amantea

/

In Calabria c’è un fiume avvelenato. Si chiama Oliva ed è contaminato da scorie e fanghi, anche industriali. Un vero e proprio disastro ambientale, scandito tra responsabilità evidenti, omertà ed assoluzioni. Uno scenario ambientale preoccupante. Ecco cosa ha sottolineato, nel 2011, la prima relazione stilata dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) sul fiume Oliva, in provincia di Cosenza. Nel 2013 il giudizio dell’Ispra è confermato perché la situazione di inquinamento è davvero grave. La relazione in questione ha messo in evidenza la presenza di massicce quantità di idrocarburi, metalli pesanti e numerose sostanze tossiche responsabili di…

C’era una volta Masseria del Carmine

/

Quando il 9 febbraio del 2008, nel corso del convegno “Diossine Uomo Taranto”, l’associazione “Taranto Viva” presentava gli effetti della diossina nella città di Taranto, per la prima volta si cominciò a parlare di strage silenziosa. Non di una seconda Seveso, dunque, ma di un avvelenamento subdolo e drammatico negli effetti sulla popolazione tarantina. Un’ipotesi formulata dall’associazione Taranto Viva, costituita da medici e ricercatori del più autorevole laboratorio italiano di ricerche sui microinquinanti dell’epoca: l’Inca di Venezia. I dati, presentati con grande cautela, risultanti dalla ricerca di diossina nel corpo di dieci volontari tarantini, illustravano – con dovizia di particolari…

La moria di ovini e il pecorino al petrolio. La storia di Giuseppe

/

Quando l’industria arriva a mille metri di quota tra zootecnia ed agriturismo: dalla strana moria di ovini alla contaminazione degli alimenti, dai mancati controlli all’assenza di risposte. Lo chiamiamo Giuseppe, uno pseudonimo per tutelare un uomo che con la sua famiglia e l’avvocato, combatte contro la prima multinazionale dell’area euro, la Total. Giuseppe allevava vicino il pozzo petrolifero “Tempa Rossa 1”. Alcuni anni fa iniziò ad avere frequenti morie di ovini: necrosi, disturbi nervosi, aborti. Il copione era sempre lo stesso: morte dell’animale, dubbi, preoccupazioni, visite del veterinario dell’Azienda sanitaria di Potenza (Asp). Il ciclo proseguiva senza che Giuseppe avesse…

Questo sito utilizza Cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Privacy Policy