Piaggia (Perugia)
Foto: Chiamata alla lotta. Piaggia (Perugia) // Leonardo Animali

Viaggio lungo il tubo del gasdotto Rete Adriatica

in Alla canna del gas di

«Portarci il corpo.» L’espressione e l’intenzione che, recentemente, lo scrittore Sandro Veronesi ha lanciato sul tema delle migrazioni e degli arrivi dal Mediterraneo, ripropone un tema più generale. Quello dell’importanza, riguardo a ciò che accade in un territorio, per capirne determinati fenomeni e fatti, di essere lì, viverci, o portarci se stessi. È con questo atteggiamento, pur conoscendo la questione nel merito e avendola affrontata in incontri pubblici, ma sempre a distanza e mai con chi ci abita, che ho deciso di “portare il mio corpo” lungo il percorso del gasdotto Rete Adriatica della Snam, nelle Marche e in Umbria, che dal Salento – dopo aver attraversato dieci regioni per 687 chilometri, arriverà al Nord. Un breve viaggio lungo il tubo, all’interno di parte dei 167 chilometri del tratto Sulmona-Foligno: da Serravalle di Chienti nelle Marche – lungo l’Appennino – fino a Cascia in Umbria.

Nelle Marche, del gasdotto Rete Adriatica, se ne parla poco. C’è stato e c’è il terremoto a sconquassare le aree montane delle province di Macerata, Fermo e Ascoli Piceno e parte della provincia di Ancona. Siamo ancora nella fase dell’emergenza. Le persone sono prese da una quotidianità lacerata e problematica, e della ricostruzione non c’è ancora una minima traccia. Il gasdotto nelle Marche attraverserà due comuni, Serravalle di Chienti e Visso. Insieme poco più di duemila abitanti e circa duecento chilometri quadri di superficie. Poco, si dirà. Certo, almeno in termini demografici. Ma comunque un territorio molto esteso che attraversa un lungo tratto di Appennino. Alcune reti dei movimenti di base e sociali hanno già promosso incontri, partecipati peraltro, ma tutti inseriti in dinamiche che non raggiungono le popolazioni.
Il giornalista Mario di Vito e la scrittrice Loredana Lipperini – rispettivamente su Il Manifesto e sul proprio blog – hanno raccontato un fatto che di recente, nelle Marche, potrebbe essere messo in relazione con il gasdotto Rete Adriatica. Ovvero, la donazione di cinque milioni di euro ricevuta dalla Regione Marche, con tanto di atti amministrativi ed incontri istituzionali nell’estate 2017, da parte della compagnia petrolifera russa Rosnef, per la ricostruzione dell’ospedale di Amandola, nel fermano, distrutto dal sisma del 2016. Compagnia, di cui risultano, mai smentite, joint-venture con la Snam da diversi anni.

L’ARRIVO A SERRAVALLE DI CHIENTI E LA SALITA A COLFIORITO
Qui il terremoto del 2016 ha segnato meno, ma ci sono ancora i segni di quello del 1997. L’epicentro del 26 settembre, con magnitudo 5.4, fu a Cesi, una frazione di Serravalle. «Qui in Comune non è arrivato ancora niente, anche se sappiamo. Però qui in paese non se ne parla», mi dice con gentilezza l’impiegato dell’Ufficio tecnico. La piazza centrale è assolata e l’aria è asciutta. Riconosco seduto ad un tavolino del bar Venanzo Ronchetti, ex sindaco di Serravalle: amministratore durante il terremoto del 1997 e la successiva ricostruzione. Ci conosciamo, è un piacere rivederlo. «Io lo so, certo, del gasdotto, e dove passerà. Ma qui non sa niente nessuno, non se ne parla; se entri al bar, qui si parla solo di Salvini.»
Da Serravalle salgo a Colfiorito, l’altopiano delle patate rosse. Quando, fino a pochi anni fa, non c’era la strada veloce in galleria della Quadrilatero, per andare da questa zona delle Marche in Umbria, si saliva per la vecchia statale 77 fin quassù, si attraversava la piana, e si scendeva a Foligno. Adesso la strada nuova taglia fuori tutto, compresi “i patatari”, che prima trovavi uno dopo l’altro a vendere patate, legumi e formaggio con macchine e furgoncini ai bordi della strada, e che adesso non trovi più. Il traffico passa tutto sotto i monti in galleria, e le patate sono costretti a venirle a vendere a decine di chilometri di distanza da Colfiorito, ai bordi delle strade provinciali in pianura. «La strada nuova è una gran cosa, perché Colfiorito è la prima uscita», mi dice la titolare del primo bar all’inizio della piana.
«Sì, ma la prima dall’Umbria, e la strada arriva a Civitanova Marche sull’Adriatico», le rispondo, e chiedo: «Ma i clienti sono di più o meno di prima?»
«Ah, dipende, certi giorni non si vede proprio nessuno», mi risponde adesso meno entusiasta.
Non sa che lì dietro alla piana ci passerà il gasdotto. Le spiego un po’ di che si tratta. Anche la mamma molto anziana, che ancora dà una mano dietro il bancone, ascolta molto attenta.
«Non può essere mica vero», commenta la barista. «Qui è tutta zona naturale, mica ci possiamo mettere il gas sotto? E se esplode? Ci sono le leggi e non gli daranno i permessi», chiude molto speranzosa. Le rispondo dicendo che, al contrario, ci sono leggi e permessi che consentono proprio di farlo.

Serravalle di Chienti (Macerata)
Foto: Gli effetti del terremoto 2016. Serravalle di Chienti (Macerata) // Leonardo Animali

DA COLFIORITO A CESI
Strada facendo, nello spostarmi tra Colfiorito e Cesi, dove vedo ancora sparse qua e là le casette di legno del terremoto del 1997, alcune tuttora palesemente abitate e vissute, telefono alla vice-sindaca di Serravalle di Chienti, Isabella Piermarini, che di mestiere è archeologa. Mi conferma che ancora in Comune non sono arrivati documenti o richieste di convocazione di Conferenze dei servizi, ma lei sa del gasdotto. È favorevole, e anche se brutto paesaggisticamente, la ritiene un’opportunità di lavoro e per la ricerca archeologica (opere come queste prevedono campagne di scavi e rilevamenti preliminari lungo le aree del tracciato, ndr).
Mi racconta che anni fa, da archeologa, ha lavorato per i sondaggi della superstrada che da Serravalle va verso Colfiorito, e che più recentemente ha condotto campagne di scavi lungo il passaggio del metanodotto “Cellino-Teramo-San Marco” della Società Gasdotti Italia spa.
«Anche rispetto alla superstrada qui sotto c’erano forti perplessità da queste parti», mi dice, «ma poi tutti hanno visto che è un’opera positiva, adesso a Colfiorito non ci passa più tutto il traffico di prima, ma c’è solo il turismo di qualità.»
Secondo lei il gasdotto «crea un servizio». Le dico però che questo è un tubo di solo trasporto del Tap pugliese fino all’Emilia Romagna e che non è una rete di distribuzione territoriale. Mi consiglia anche di fare attenzione alle bufale che girano da queste parti sul gasdotto Rete Adriatica, relative alla pericolosità sismica e alle paventate possibili esplosioni.
Chiusa la telefonata, lasciandomi la piana alle spalle, arrivo a Cesi, frazione di Serravalle di Chienti, oggi circa venti famiglie ad abitare il piccolo centro ricostruito dopo il sisma del 1997, ma molto di quella storia è ancora viva nei piccoli villaggi di legno, dove furono realizzate le antesignane delle contemporanee Strutture abitative di emergenza (Sae) e che, come già si prefigura, anche per i terremoti del 2016 sono diventate “strutture abitative eterne” [1].
La signora Marika, titolare del piccolo ristorante fuori paese, anch’esso ricavato in una struttura modulare del tempo, mi spiega che queste casette di legno vennero allora poi vendute dal Comune a chi ne era interessato, ed alcuni le usano oggi come seconda casa, ma altri addirittura come abitazione principale. «L’acquedotto?», mi chiede Marika. «Io non so niente.»
«No signora», le rispondo. «Il gasdotto», preciso e comincio a raccontare. «Allora ci porteranno il metano che qui non c’è», mi dice.
«No», rispondo e le racconto che il tubo fa solo trasporto tra la Puglia e l’Emilia Romagna.
«Allora a noi ci faranno solo del male», chiosa un po’ rattristata.

Foto: Cesi (Macerata)
Casette di legno del sisma 1997. Cesi (Macerata) // Leonardo Animali

AL CONFINE TRA UMBRIA E MARCHE
E sì, in questa parte di Appennino, che non conoscevo affatto, di schiena a Colfiorito e ai Sibillini, sgusciando, il tubo – proprio come un’enorme anaconda tra i confini di Marche ed Umbria – porterà dei danni irrimediabili al paesaggio, considerata la complessità dell’infrastruttura e delle sue opere accessorie, checché ne pensi la cortese vice-sindaca di Serravalle di Chienti.
Qui, lasciando Cesi, e dirigendosi tra le frazioni umbre di Foligno, Fraia e Popoli, piccoli centri abitati da qualche famiglia, si trova ancora davvero un paesaggio incontaminato, vocato ad un’agricoltura di alta quota e all’allevamento brado. Le rotoballe di questo inizio luglio, disposte sui campi di foraggio appena tagliati, testimoniano la qualità ambientale e rurale di questo territorio agricolo. Il vecchietto che si affaccia a Popoli, dal balcone di casa, per vedere chi potrà mai essere questo che s’aggira per il piccolo borgo turrito sotto il sole del primo pomeriggio, mi dice che lui del gasdotto non ha sentito mai parlare.
«Tanto tempo fa», mi racconta, «c’avevano detto che c’avrebbero portato il metano, ma poi non s’è visto più nessuno.»
E dell’intenzionalità di tale infrastruttura domestica, a Popoli, a testimonianza c’è rimasta almeno una palina con il cartello. Il tutto provato dal tempo e dalle stagioni. E da questa Umbria di confine, rientrando nelle Marche, e arrivando a Civitella, capisci.
Capisci che il gasdotto lo faranno. E l’hanno pensata proprio bene nel farlo passare da queste parti. In un territorio di margine dove, fatta eccezioni per piccoli abitati di un pugno di persone, non c’è nessuno. E, cosa non secondaria, non ci passa nessuno, se non chi ci abita o chi sbaglia strada. Non sono questi i luoghi del turismo, di nessun tipo: di massa, “slow”, responsabile, come viene ora classificato pur di giustificare qualsivoglia intervento sul paesaggio. E di conseguenza qualunque scempio ambientale verrà praticato non lo vedrà nessuno, né tantomeno qualcuno controllerà e denuncerà. Quali sono le comunità da queste parti che si opporranno e si mobiliteranno? Quali gli amministratori locali che si batteranno per difendere il loro territorio?
Rifletto su tutto questo mentre oltrepasso le poche case della frazione di Rasenna, nel Comune di Visso, per ritornare dopo qualche chilometro in Umbria, nel piccolo borgo di Piaggia, Comune di Sellano, dove paradossalmente nella bacheca di legno all’inizio del paesello, mischiato tra l’annuncio di una sagra e un manifesto da morto, trovo appiccicato il volantino di un’informativa del Comitato contro il gasdotto. Che nessuna popolazione avrà probabilmente mai letto, considerato che le case che danno l’idea di essere tuttora abitate sono un paio. Rinfrancato da questa pulsione di civismo e democrazia, trovata lì in mezzo all’Appennino, rientro nelle Marche, e scendo a Chiusita, altra frazione del Comune di Visso, dove l’unico abitante che incontro mentre sta letamando, in una lingua mista tra l’italiano e lo slavo, mi fa comunque capire che del gasdotto non sa niente e nemmeno come arrivare fino a Ponte Chiusita, in piena Valnerina.
Qui, la strada, devastata dalle frane e dallo scostamento del letto del Nera il 30 ottobre 2016, da qualche mese è stata messa in sicurezza ed ha ripreso la sua funzionalità. Non c’ero più passato da quei terribili giorni per la provinciale che da Ponte Chiusita, in una ventina di chilometri, porta a Norcia. Più o meno parallelo alla strada passerà il gasdotto. Ora, percorrendola di nuovo, chiunque capirebbe una cosa: che il terremoto di Norcia ed Amatrice non è stato come mediaticamente viene ancora spacciato solo di Norcia ed Amatrice. Ma anche di tutto quello che sta, nel nostro caso specifico, intorno a Norcia. Quel che resta della Basilica di San Benedetto, oggi è lì intubato, come un paziente nell’Unità di terapia intensiva cardiologica di un ospedale, accudito a vista dal piglio severo della statua del Patrono d’Europa. Norcia è conciata male, ma ha retto. Le piccole località, e molta dell’edilizia delle campagne, non ci sono più, sostituite dalle Sae, come a Preci, Campi, Ancarano, o definitivamente in via di abbandono, come Ocricchio, Civita, Castel Santa Maria, Roccanolfi, Ospedaletto.
Ecco, in questa Via Crucis della tettonica appenninica, quella con il massimo grado di rischio simico del Paese, passerà il tubo: 1,20 metri di diametro ad una profondità tra i 4 e i 5 metri, con il gas pompato a 75 atmosfere, con sbancamenti di 40 metri.

Casali di Serravalle (Perugia)
Foto: Il gasdotto passerà sulla strada bianca che porta al ristorante. Casali di Serravalle (Perugia) // Leonardo Animali

ED ECCO NORCIA
Arrivo a Norcia. Conosco Arcangelo De Angelis, nursino, attivista del Comitato “Norcia per l’Ambiente”. I cittadini che ne fanno parte si sono attivati già da più di dieci anni. Dal 2004 per la precisione. Si sono battuti con manifestazioni eclatanti, come quella del giorno dell’Immacolata del dicembre 2005, quando portarono delle bare dentro la Sala consiliare di Norcia. Hanno anche ottenuto, nel 2007, la modifica di parte dei 19 chilometri del tracciato che attraversa questa zona dell’Umbria, quella che passava dentro le Marcite, un’area storico-ambientale protetta. Il Comitato è composto da 40-50 attivisti.
«Qui la gente lo sa che faranno il gasdotto», mi dice Arcangelo. «A livello informativo abbiamo lavorato molto. Però qui si pensa esclusivamente al turismo, da sempre. Fanno finta di non saperlo. Poi, dopo il terremoto del 2016, oggi la gente ha tutt’altri pensieri e priorità personali e familiari, e al gasdotto non ci pensa proprio. Ma le cose non si fermano certo perché c’è stato il terremoto.»
Salgo in macchina con lui. Mi porta a vedere un po’ di cose che riguardano il tubo. Mi parla, guidando, di Norcia, di come funzionano le cose da queste parti, a prescindere dalle stagioni della politica. Mi parla del gasdotto progettato considerando la sismicità storica dell’Appennino fino al 2004, quindi trascurando i sismi dell’Aquila, dell’Emilia, del 2016 e del 2017 vicino Campotosto in Abruzzo.
«È vero, corretto scientificamente, che la scossa del 30 ottobre 2016 è stata classificata mediamente 6.5 Richter, ma», precisa, «quella mattina la strumentazione locale a Poggio Capo di Colle sopra Ancarano ha segnato una magnitudo di 7.1».
Ci sono passato arrivando a Norcia, tra Campi e Ancarano, e i segni distruttivi di quello che sismologicamente mi ha raccontato Arcangelo, si vedono. «Considera», aggiunge, «che il progetto del gasdotto è basato su un valore dell’accelerazione dell’onda sismica, che è meno della metà di quello del 30 ottobre 2016.»
Arriviamo a Casali di Serravalle, poco fuori la città di San Benedetto. Mi indica sul terreno dove correrà con precisione il gasdotto, a fianco di un ristorante con un bel parco.
«Mah!», esclamo. «Viste le condizioni del ristorante che è completamente inagibile, non avranno neanche tante noie con gli espropri; anzi, al proprietario gli fanno un piacere.»
Mi indica il crinale del colle dall’altra parte della provinciale per Spoleto. «Guarda in mezzo a quei due pioppi, come se fossero un traguardo, il gasdotto da Ospedaletto che sta su dietro, scende lungo il versante e passa qui sotto i nostri piedi. La faglia del 6.5 Richter sta a un chilometro a mezzo da qui.»
Poi mi fa girare di spalle e mi indica un monte opposto alla valle, Monte Mattone a Campofermo. E mi racconta un’altra storia: quella dello sbancamento del monte con una nuova cava, i cui materiali serviranno per produrre il calcestruzzo, e della costruzione a ridosso della zona di estrazione di un cementificio.
«Dicono», mi spiega, «che servirà per gli inerti a servizio della ricostruzione post-sismica. Ma l’operazione è assai precedente al terremoto, e non è da escludere che abbia a che vedere pure con il gasdotto.»
Ripartiamo, ci inerpichiamo per le curve della comunale che portano ad Ospedaletto. Arrivati al piccolo centro mi fa segno con il braccio come se fosse una stadia, da dove passa il tubo. Accanto la chiesa di campagna, ora inagibile, e ad un agriturismo, lesionato inesorabilmente pure quello.
«Prima del terremoto ci vivevano quassù circa cinquanta persone; ora sono rimaste quattro, cinque famiglie, solo perché si sono fatte le casette fai-da-te a spese loro. Con tutti i problemi di presunto abuso edilizio, derivante dalla normativa urbanistica che vieta di farlo.»
Ritorniamo a Norcia, è ora di pranzo, ed è d’obbligo il panino con i salumi e il formaggio locale. Seduti sulla panca di fronte l’area commerciale provvisoria, che ha già del definitivo, sotto le mura di Porta Orientale, Arcangelo mi racconta che a Norcia ci sono 696 Sae, e che dopo il terremoto, tra i quattrocento e i seicento abitanti, se ne sono andati a vivere definitivamente in altre zone della regione, specialmente verso Spoleto e Corciano. Da lì, sotto i nuovi negozi di tipicità norcine, mi indica dove si vorrebbe far passare il ventilato trenino a cremagliera per portare i turisti direttamente da Norcia a Castelluccio. Non riusciamo a non parlare del Deltaplano, il costruendo centro commerciale e ricettivo sulla Piana di Castelluccio. Mi racconta un po’ di storie e faccende locali, di come sono regolati alcuni rapporti e alcune dinamiche del posto. Ma questa, come direbbe Carlo Lucarelli in una puntata di Blu notte, è veramente un’altra storia. È arrivato il momento di congedarci con Arcangelo, ma sappiamo entrambi che si tratta di un arrivederci.

Casali di Serravalle (Perugia)
Foto: Dal colle, in mezzo ai due pioppi, scenderà il gasdotto. Casali di Serravalle (Perugia) // Leonardo Animali

IN DIREZIONE CASCIA
Riparto da Norcia e mi rimetto in viaggio lungo il tubo, attraverso la piana, e comincio a salire in direzione Cascia, lasciandomi sulla sinistra San Pellegrino di Norcia, completamente raso al suolo la notte del 24 agosto 2016. Arrivo a Civita, Comune di Cascia, immersa nella campagna d’altura. Dopo il cartello dell’inizio del centro abitato, mi colpisce che sostanzialmente questa frazione sia costituita da file di case a schiera, parallele fra loro. Non vedo nessuno in giro, penso all’ora calda che sconsiglia di stare fuori. Ma poi, entrato dentro la zona abitata, capisco il perché non ci siano folle in giro: buona parte delle case, seppur di recente costruzione – penso ad un’edilizia fine anni Settanta – sono tutte lesionate dal terremoto e in stato di abbandono; quelle abitate sono una minoranza. Anche qui, penso, i lavori del gasdotto non troveranno grandi resistenze. Ma lo shock vero lo provo quando entro a Castel Santa Maria, piccola frazione di Cascia edificata su un colle, che sovrasta i ruderi dell’antica chiesa cinquecentesca della Madonna della Neve. Entrando in paese, la sensazione che provo è quella di entrare in un villaggio del far west, quelli riprodotti dai maestri scenografi di Cinecittà, che il protagonista del film trova arrivando, abbandonato dopo qualche razzia o epidemia tra gli abitanti. Due file di villette a schiera si affacciano sulla strada. Buona parte del pavé fatto di grandi lastre di porfido è saltato o è sconnesso. Le case hanno tutte lesioni enormi, qualche crollo, lo stato di abbandono di molti mesi è evidente. La spettralità è resa più significativa dal fatto che anche qui sono tutte costruzioni recenti.
«La frazione antica stava più in alto», mi spiega la cortese titolare del Gabry Bar a Savelli, piccola località che trovo tornando indietro, «poi dopo il grande terremoto del 1979 fu rifatta nuova più sotto con criteri antisismici, ma nel 2016 è stata di nuovo distrutta; adesso ci abitano solo due famiglie.»
Il 19 settembre di 39 anni fa, una magnitudo di 5.8 Richter devastò la Valnerina, facendo 5 vittime a Norcia e, il che spiega i ruderi che avevo visto, rase al suolo il Santuario della Madonna della Neve. Anche Civita di Cascia, fu ricostruita con criteri antisismici, prediligendo la sicurezza all’estetica, e facendo diventare un borgo vivo, un grande dormitorio senza un bar e un negozio.
Ritrovo, nel documentarmi a casa al ritorno, una testimonianza su Civita del 26 agosto 2016, che ci aiuta a capire:
«A Civita il borgo storico è un paese di fantasmi. È un luogo romantico, ci racconta Silvana. Una cartolina, un nido dove salire da fidanzati. Ma non ci vive nessuno. Dagli anni novanta, e quindi oltre undici anni dopo il fatidico ’79, tutti gli abitanti si sono trasferiti nelle tre file di palazzine anonime a due e tre piani. La scossa dell’altra notte trema ancora, racconta Ivana, è stata una catapulta, di una violenza, di una ferocia! E poi il rumore. Ma in casa e fuori non è caduto nemmeno un pezzetto di intonaco. Si sono aperte tutte le ante delle credenze, sono caduti i libri. Per questo tra le villette di Civita ringraziano sempre e comunque il geometra Ercoli, che pensò a questa soluzione bruttina ma comoda e sicura. Case perfette dal punto di vista tecnico, e completamente sbagliate dal punto di vista sociale. Non una piazza, non un bar, la chiesa costruita verso il tramonto. Questo è un paese dove non ci si incontra mai.» [Tratto da: Il Giornale, edizione online].
Poi, però, il 30 ottobre 2016, non ha risparmiato, purtroppo, neanche questo esperimento di urbanistica post-sismica di quasi quarant’anni fa. «Se ne parla sotto voce – ora sono riuscito a spostare l’interesse della barista dal sisma al gasdotto – e qui rovineranno tutto, tagliano le montagne per fare il cementificio. È il progresso, però. C’è un signore di S.Andrea che sul gasdotto è molto arrabbiato, vedrai che più tardi arriva al bar.»
«Ma io purtroppo devo ripartire», le rispondo congedandomi e ringraziandola, «e poi se arriva e lo faccio parlare del gasdotto, si arrabbia di nuovo e gli rovino la serata.»
E dalla piana di Norcia, attraversando una campagna estiva meravigliosa, salgo ad Ocricchio, dove il tubo passerà indisturbato, in un paese che ancora è tutto zona rossa, e dove l’abbandono ha contagiato anche il cantiere allestito dopo il terremoto; giustificando anche qui la veridicità di una vera e propria “Strategia dell’Abbandono” [2].
«Ad Ocricchio ci vivevano prima del terremoto stabilmente alcune famiglie, ma d’estate superava con i villeggianti le cento persone, mia mamma era di lì, e dopo il terremoto del ’79 era stato rifatto e ora è venuto di nuovo giù tutto», mi racconta la signora della Cioccolateria Vetustia Nursia di Norcia, dove cedo alla tentazione del gelato e del cioccolato da riportare a casa.
Ritornando verso la Valnerina, giunto quasi al termine del mio viaggio, salgo su a Preci al castello, e a Roccanolfi, altre frazioni nursine interessate al passaggio del gasdotto.
«Ora su a Preci è tutto chiuso», mi racconta la giovane titolare del bar provvisorio nella casetta di legno lungo la provinciale sotto il Castello, «prima ci abitavano venti, trenta persone; a Roccanolfi ora ci saranno due, tre persone.»
Chiedo del gasdotto. «Se ne parla», mi dice la ragazza. «Lo sappiamo che lo faranno. Qui al bar sono venuti tempo fa dei ragazzi a portare dei volantini di quelli contrari.»
A questo punto si gira un paesano dal volto simpatico e dal barbone brizzolato, finora sprofondato dentro la Gazzetta dello Sport su un tavolino del bar. Abbandona il giornale e si alza verso di noi, ci tiene a far parte della conversazione, e a dire la sua: «Qui (riferendosi al tubo, ndr) ci vuole proprio per queste zone. Tanto è gas e sta sottoterra, e poi porteranno lavoro, qui sono tutti monti, tanto. Ma dove passa di preciso?»
«Qui dietro, proprio tra queste frazioni», gli spiego.
Adesso il suo piglio si rammollisce, mi guarda interdetto, come quelli che «qualunque cosa mi va bene, ma non nel cortile di casa mia.»
Ah beh, però tanto non scoppia, tuttalpiù prende fuoco…», adesso è un po’ più timoroso.


NOTE
[1] Definizione delle Sae data dalla Rete dei Movimenti Terre in Moto Marche, dicembre 2017
[2] Così il terremoto ha ridato linfa alla strategia dell’abbandono, Leonardo Animali. Da Lo stato delle cose / Geografie e storie del doposisma

Nato a Jesi (Ancona), vive da qualche anno in una piccola frazione di quaranta abitanti del Comune di Genga (Ancona), nelle Marche. Insieme ad abitanti, associazioni e cittadini, ha dato vita al Comitato civico Riprendiamocilastrada, che si batte per la restituzione di un tratto di strada pubblica storica - la Strada Clementina - in mezzo alla Gola della Rossa, da decenni data in uso esclusivo alle imprese delle cave. Si occupa, come libero professionista, di agroalimentare, di promozione di imprese agricole a filiera corta, di scambi interculturali. È socio di un’associazione di promozione sociale, la “Bagatto Percorsi Creativi”, che opera nel territorio nei settori teatrale, musicale e letterario. Cura il blog Ho passato la frontiera.

Lascia un commento

Your email address will not be published.