di Daniela Spera / Foto: Wikipedia Commons

“Wind Day” a Taranto. Scattato il Protocollo

in Orientamenti/Territori di

Oggi e domani (16 e 17 luglio) è previsto a Taranto un “Wind Day”. Si tratta di una giornata in cui le particolari condizioni meteorologiche determinano un aumento degli inquinanti nell’aria e questo porta Comune e Asl a far scattare un Protocollo di misure di salvaguardia che i cittadini sono invitati ad osservare.

La notizia è riporta sul sito della Asl di Taranto. In particolare le misure precauzionali sono riferite alla concentrazione di PM10 e ai relativi livelli di inquinamento.

Per concentrazioni comprese tra 26-50 µg/m3 l’inquinamento è di livello ‘medio’. Per valori da 51-100 µg/m3 l’inquinamento è di livello ‘alto’. E così via. In questi casi è previsto un protocollo da seguire. Nella nota si legge che “è opportuno che individui particolarmente sensibili (es. asmatici, cardiopatici, bambini, anziani) cerchino di adottare precauzioni per ridurre la propria esposizione. Si consiglia ai soggetti particolarmente sensibili di programmare eventuali attività sportive all´aperto nelle ore in cui i livelli di inquinamento sono inferiori, ovvero fra le ore 12 e le 18. Arieggiare gli ambienti chiusi negli stessi orari. Si invita la popolazione a collaborare per ridurre i livelli di inquinamento cercando di ridurre il più possibile l´uso dell’auto.

Davvero singolare che un ente di prevenzione inviti i cittadini a modificare le proprie abitudini di vita e a limitare l’uso di autovetture, in un contesto, come quello di Taranto, in cui l’inquinamento è soprattutto di origine industriale e l’esposizione è nociva e continuata anche a concentrazioni al di sotto di 25 µg/m3 dei PM10. Nessuna misura viene, tra l’altro, indicata nel caso delle attività antropiche maggiormente responsabili. In questo caso l’attività industriale, intoccabile protagonista, causa dell’emergenza sanitaria in atto nella città dei due mari.

Sostieni Terre di frontiera

Se sei arrivato fin qui è evidente che apprezzi il nostro modo di fare informazione. Ma per proseguire nel percorso intrapreso nel 2016 abbiamo bisogno di un aiuto.
Il tuo sostegno è indispensabile per continuare a realizzare inchieste sul campo, documentare e raccontare. Le nostre inchieste si compongono di testi, immagini e video con costi importanti in tutte le fasi di produzione.
Terre di frontiera è un periodico indipendente prodotto da giornalisti, fotografi, attivisti ed esperti di tematiche ambientali.
Terre di frontiera non riceve finanziamenti pubblici e sopravvive grazie al contributo spontaneo dei suoi ideatori e alle donazioni dei lettori.
L’informazione libera ha bisogno del sostegno di tutti. L’informazione libera assume un ruolo importante e di responsabilità, anche e soprattutto nell’ottica di superare l’emarginazione territoriale e culturale.

Se vuoi puoi sostenere Terre di frontiera cliccando qui. Grazie!

Lascia un commento

Your email address will not be published.