Albania, terra di mezzo

in Fotoreportage di
  • 88.jpg
    Foto: Frontiera di Kakavia. Centro d’accoglienza temporaneo per migranti in transito (Albania, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 77.jpg
    Foto: Ieda, 24 anni, Mohamed, 31 e Jood, 6 mesi, provenienti dal campo profughi di Yarmouk (periferia di Damasco), all’interno dell’alloggio fornito dalla Caritas di Bilisht (Albania, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 66.jpg
    Foto: Un poliziotto in procinto di trasferire un gruppo di migranti iracheni nel centro d’accoglienza di Tirana (Albania, febbraio 2019) // Matthias Canapini
  • 55.jpg
    Foto: Han I Hotit, valico di frontiera tra Albania e Montenegro (Albania, febbraio 2019) // Matthias Canapini
  • 44.jpg
    Foto: Amal e famiglia in partenza per Tirana (Albania, febbraio 2019) // Matthias Canapini
  • 33.jpg
    Foto: Omar dialoga con Cristian (operatore della Caritas) all’interno del centro d’accoglienza di Scutari (Albania, febbraio 2019) // Matthias Canapini
  • 22.jpg
    Foto: Alì e Musad, due giovani migranti iracheni, riordinano la stanza prima di essere trasferiti a Tirana (Albania, febbraio 2019) // Matthias Canapini
  • 11.jpg
    Foto: Veduta del Centro d’accoglienza Caritas a Scutari (Albania, febbraio 2019) // Matthias Canapini

In Albania c’è un clima molto differente rispetto alle altre regioni balcaniche o europee. Nel 2017 sono stati 309 i migranti richiedenti asilo politico.

Leggi tutto

Zona Nostra

in Fotoreportage di
  • 7-La-prima-volta-al-Castello-08.jpg
  • 10-I-Resistenti-di-San-Gregorio-09.jpg
  • 10-I-Resistenti-di-San-Gregorio-08.jpg
  • 10-I-Resistenti-di-San-Gregorio-07.jpg
  • 10-I-Resistenti-di-San-Gregorio-06.jpg
  • 10-I-Resistenti-di-San-Gregorio-05.jpg
  • 10-I-Resistenti-di-San-Gregorio-04.jpg
  • 10-I-Resistenti-di-San-Gregorio-03.jpg
  • 10-I-Resistenti-di-San-Gregorio-02.jpg
  • 10-I-Resistenti-di-San-Gregorio-01.jpg
  • 8-Zona-Rossa_-Zona-Nostra-05.jpg
  • 9-Sterpone-05.jpg
  • 9-Sterpone-04.jpg
  • 9-Sterpone-03.jpg
  • 9-Sterpone-02.jpg
  • 10-I-Resistenti-di-San-Gregorio-10.jpg
  • 9-Sterpone-01.jpg
  • 8-Zona-Rossa_-Zona-Nostra-10.jpg
  • 8-Zona-Rossa_-Zona-Nostra-09.jpg
  • 8-Zona-Rossa_-Zona-Nostra-08.jpg
  • 6-48-metri-quadri...-più-balcone-05.jpg
  • 8-Zona-Rossa_-Zona-Nostra-07.jpg
  • 8-Zona-Rossa_-Zona-Nostra-06.jpg
  • 8-Zona-Rossa_-Zona-Nostra-04.jpg
  • 8-Zona-Rossa_-Zona-Nostra-03.jpg
  • 8-Zona-Rossa_-Zona-Nostra-02.jpg
  • 8-Zona-Rossa_-Zona-Nostra-01.jpg
  • 7-La-prima-volta-al-Castello-10.jpg
  • 7-La-prima-volta-al-Castello-09.jpg
  • 7-La-prima-volta-al-Castello-07.jpg
  • 7-La-prima-volta-al-Castello-06.jpg
  • 7-La-prima-volta-al-Castello-05.jpg
  • 7-La-prima-volta-al-Castello-04.jpg
  • 7-La-prima-volta-al-Castello-03.jpg
  • 7-La-prima-volta-al-Castello-02.jpg
  • 7-La-prima-volta-al-Castello-01.jpg
  • 6-48-metri-quadri...-più-balcone-10.jpg
  • 6-48-metri-quadri...-più-balcone-09.jpg
  • 6-48-metri-quadri...-più-balcone-08.jpg
  • 6-48-metri-quadri...-più-balcone-07.jpg
  • 6-48-metri-quadri...-più-balcone-06.jpg
  • 6-48-metri-quadri...-più-balcone-04.jpg
  • 6-48-metri-quadri...-più-balcone-03.jpg
  • 6-48-metri-quadri...-più-balcone-02.jpg
  • 6-48-metri-quadri...-più-balcone-01.jpg
  • 5-Farina-0-05.jpg
  • 5-Farina-0-04.jpg
  • 5-Farina-0-03.jpg
  • 4-Una-Gru-04.jpg
  • 5-Farina-0-01.jpg
  • 4-Una-Gru-10.jpg
  • 4-Una-Gru-09.jpg
  • 4-Una-Gru-08.jpg
  • 4-Una-Gru-07.jpg
  • 4-Una-Gru-06.jpg
  • 4-Una-Gru-05.jpg
  • 4-Una-Gru-03.jpg
  • 4-Una-Gru-02.jpg
  • 4-Una-Gru-01.jpg
  • 3-I-tesori-de-L_Aquila-10.jpg
  • 3-I-tesori-de-L_Aquila-09.jpg
  • 3-I-tesori-de-L_Aquila-08.jpg
  • 3-I-tesori-de-L_Aquila-07.jpg
  • 3-I-tesori-de-L_Aquila-06.jpg
  • 3-I-tesori-de-L_Aquila-05.jpg
  • 3-I-tesori-de-L_Aquila-04.jpg
  • 3-I-tesori-de-L_Aquila-03.jpg
  • 3-I-tesori-de-L_Aquila-02.jpg
  • 3-I-tesori-de-L_Aquila-01.jpg
  • 2-I-silenzi-dei-luoghi-10.jpg
  • 2-I-silenzi-dei-luoghi-09.jpg
  • 2-I-silenzi-dei-luoghi-08.jpg
  • 2-I-silenzi-dei-luoghi-07.jpg
  • 2-I-silenzi-dei-luoghi-06.jpg
  • 2-I-silenzi-dei-luoghi-05.jpg
  • 2-I-silenzi-dei-luoghi-04.jpg
  • 2-I-silenzi-dei-luoghi-03.jpg
  • 2-I-silenzi-dei-luoghi-02.jpg
  • 2-I-silenzi-dei-luoghi-01.jpg
  • 1-La-Città-10.jpg
  • 1-La-Città-09.jpg
  • 1-La-Città-08.jpg
  • 1-La-Città-07.jpg
  • 1-La-Città-06.jpg
  • 1-La-Città-05.jpg
  • 1-La-Città-04.jpg
  • 1-La-Città-03.jpg
  • 1-La-Città-02.jpg
  • 1-La-Città-01.jpg

Ecco L’Aquila a dieci anni dal sisma che ha sconvolto una terra e una comunità. “Zona Nostra” è l’esclusivo reportage di Pellegrino Tarantino.

Leggi tutto

Due anni di lotta No Tap

in Fotoreportage di
  • 13.jpg
    Foto: Un operaio dentro al cantiere Tap (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 12.jpg
    Foto: Rina all'interno del terreno agricolo dov'era situato il presidio No Tap (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 11.jpg
    Foto: Pranzo a S.Basilio al termine del corteo (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 10.jpg
    Foto: Pranzo a S.Basilio al termine del corteo (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 9.jpg
    Foto: Tonia seduta sotto un ulivo, durante il pranzo a S.Basilio al termine del corteo (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 8-1.jpg
    Foto: Alfonso frigge del pesce all'interno del terreno agricolo dov'era situato il presidio No Tap (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 7-1.jpg
    Foto: Pranzo a S.Basilio al termine del corteo (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 6-1.jpg
    Foto: Michele, "nonno" del movimento No Tap (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 5-1.jpg
    Foto: Reticolato e attivisti (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 4-1.jpg
    Foto: Un elicottero della polizia sorvola costantemente il corteo diretto a S.Basilio (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 3-1.jpg
    Foto: Manifestazione per i due anni di lotta contro il gasdotto (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 2-1.jpg
    Foto: Bartolomeo, videomaker del movimento No Tap, di fronte il cantiere Tap (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini
  • 1-1.jpg
    Foto: Tratto del futuro gasdotto Tap (Melendugno, marzo 2019) // Matthias Canapini

Lo scorso 17 marzo scorso il Movimento No Tap ha celebrato due anni di lotta contro la realizzazione del gasdotto Trans Adriatic Pipeline.

Leggi tutto

23M Italia in Movimento

in Fotoreportage di
  • DSC_8209.jpg
  • DSC_8172.jpg
  • DSC_8233.jpg
  • DSC_8253.jpg
  • DSC_8259.jpg
  • DSC_8263.jpg
  • DSC_8312.jpg
  • DSC_8313.jpg
  • DSC_8338.jpg
  • DSC_8514.jpg
  • DSC_8470.jpg
  • DSC_8440.jpg
  • DSC_8122.jpg
  • DSC_8433.jpg
  • DSC_8426.jpg
  • DSC_8410.jpg
  • DSC_8384.jpg
  • DSC_8361.jpg
  • DSC_8351.jpg
  • DSC_8342.jpg
  • DSC_8365.jpg
  • DSC_8518.jpg
  • DSC_8645.jpg
  • DSC_8653.jpg
  • DSC_8660.jpg
  • DSC_8254.jpg
  • DSC_8679.jpg
  • DSC_8537.jpg
  • DSC_8535.jpg
  • DSC_8531.jpg
  • DSC_8544.jpg
  • DSC_8583.jpg
  • DSC_8590.jpg
  • DSC_8599.jpg
  • DSC_8603.jpg
  • DSC_8613.jpg
  • DSC_8643.jpg

Lo scorso 23 marzo i maggiori movimenti italiani per l’ambiente hanno manifestato, a Roma, contro le grandi opere inutili.

Leggi tutto

Mezzo mondo in attesa dei Passeur

in Fotoreportage di
  • 1.jpg
    Foto: Camille, volontaria dell'associazione Care4Calais (Calais, febbraio 2019) // Matthias Canapini
  • 2.jpg
    Foto: Paul, volontario dell'associazione Care4Calais (Calais, febbraio 2019) // Matthias Canapini
  • 3.jpg
    Foto: Personale medico dell'associazione Care4Calais durante la visita pomeridiana in uno degli accampamenti informali (Calais-febbraio 2019) // Matthias Canapini
  • 4.jpg
    Foto: Recinzioni e barriere intorno al porto di Calais, da cui partono giornalmente i traghetti per Dover (Calais, febbraio 2019) // Matthias Canapini
  • 5.jpg
    Foto: Saeid Nasri, iraniano di 34 anni, ricoverato presso una comunità psichiatrica a seguito di una forte depressione e tentato suicidio per le condizioni precarie in cui viveva (Calais, febbraio 2019) // Matthias Canapini
  • 6.jpg
    Foto: Care4Calais durante la visita pomeridiana in uno degli accampamenti informali (Calais, febbraio 2019) // Matthias Canapini
  • 7.jpg
    Foto: Uno dei tanti oggetti che testimoniano il passaggio a Grande Synthe (Dunkerk, febbraio 2019) // Matthias Canapini
  • 8.jpg
    Foto: Mohamed, 36 anni, Kurdistan (Dunkerk, febbraio 2019) // Matthias Canapini

Chi si accampa a Calais e Grande Synthe mira a ottenere un passaggio a bordo di camion in partenza per la Gran Bretagna. Di sola andata.

Leggi tutto

Le ruspe di San Ferdinando

in Fotoreportage di
  • DSC_7968.jpg
    © Pellegrino Tarantino / Terre di frontiera, 6 marzo 2019
  • DSC_7961.jpg
    © Pellegrino Tarantino / Terre di frontiera, 6 marzo 2019
  • DSC_7950.jpg
    © Pellegrino Tarantino / Terre di frontiera, 6 marzo 2019
  • DSC_7948.jpg
    © Pellegrino Tarantino / Terre di frontiera, 6 marzo 2019
  • DSC_7932.jpg
    © Pellegrino Tarantino / Terre di frontiera, 6 marzo 2019
  • DSC_7936.jpg
    © Pellegrino Tarantino / Terre di frontiera, 6 marzo 2019
  • DSC_7926.jpg
    © Pellegrino Tarantino / Terre di frontiera, 6 marzo 2019
  • DSC_7891.jpg
    © Pellegrino Tarantino / Terre di frontiera, 6 marzo 2019
  • DSC_7883.jpg
    © Pellegrino Tarantino / Terre di frontiera, 6 marzo 2019
  • DSC_7882.jpg
    © Pellegrino Tarantino / Terre di frontiera, 6 marzo 2019
  • DSC_7866.jpg
    © Pellegrino Tarantino / Terre di frontiera, 6 marzo 2019
  • DSC_7864.jpg
    © Pellegrino Tarantino / Terre di frontiera, 6 marzo 2019
  • DSC_7860.jpg
    © Pellegrino Tarantino / Terre di frontiera, 6 marzo 2019
  • DSC_7841.jpg
    © Pellegrino Tarantino / Terre di frontiera, 6 marzo 2019
  • DSC_7840.jpg
    © Pellegrino Tarantino / Terre di frontiera, 6 marzo 2019
  • DSC_7830.jpg
    © Pellegrino Tarantino / Terre di frontiera, 6 marzo 2019
  • DSC_7816.jpg
    © Pellegrino Tarantino / Terre di frontiera, 6 marzo 2019
  • DSC_7791.jpg
    © Pellegrino Tarantino / Terre di frontiera, 6 marzo 2019
  • DSC_7789.jpg
    © Pellegrino Tarantino / Terre di frontiera, 6 marzo 2019
  • DSC_7987.jpg
    © Pellegrino Tarantino / Terre di frontiera, 6 marzo 2019
  • DSC_7780.jpg
    © Pellegrino Tarantino / Terre di frontiera, 6 marzo 2019

Le immagini dello sgombero della baraccopoli di San Ferdinando, in provincia di Reggio Calabria, vicino Rosarno e Gioia Tauro. Con un poderoso gruppo interforze, rigorosamente in assetto antisommossa, composto da uomini della Polizia di Stato, Carabinieri, Esercito e Guardia di finanza, il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, muove le ruspe in Calabria. Circa seicento le forze…

Leggi tutto

Le tracce di Blessing

in Fotoreportage di
  • Frontiera.jpg
    Foto: Una scritta apparsa sul confine a pochi giorni dalla morte di Blessing (Claviere, Maggio 2018) // Matthias Canapini
  • Attesa.jpg
    Foto: Alcuni attivisti francesi manifestano pacificamente di fronte gli uffici della Dogana. Quel giorno, una loro amica è stata accusata di favoreggiamento all'immigrazione clandestina. La donna con l'ombrello rosso sullo sfondo è la madre della ragazza (Frontiera del Monginevro, Maggio 2018) // Matthias Canapini
  • Blocco.jpg
    Foto: Alcuni attivisti francesi inscenano un flash mob-posto di blocco in frontiera per sensibilizzare passanti e turisti sulla morte di Blessing (Frontiera del Monginevro, Maggio 2018) // Matthias Canapini
  • Sentiero.jpg
    Foto: Migranti sub-shariani in cammino (Claviere, Luglio 2018) // Matthias Canapini
  • Polizia.jpg
    Foto: Posto di blocco della Polizia italiana prima del flash mob organizzato di fronte alla Dogana francese (Claviere, Maggio 2018) // Matthias Canapini
  • Tracce.jpg
    Foto: Uno dei tanti oggetti/abiti che testimoniano il passaggio sui sentieri di Claviere (Frontiera del Monginevro, Luglio 2018) // Matthias Canapini
  • Monginevro.jpg
    Foto: Alcuni solidali italo-francesi rendono omaggio a Blessing con canti, fiaccolate e letture (La Vachette, Maggio 2018) // Matthias Canapini

Da più di un anno, ogni settimana, decine di migranti passano il confine tra Italia e Francia attraverso i valichi alpini della Valsusa.

Leggi tutto

Lungo il muro di Orbán

in Fotoreportage di
  • Subotica.jpg
    Foto: Un dettaglio de "Il muro di Orban", barriera composta da ferro, filo elettrico e spinato, pattuglie militari, telecamere e speaker. Il muro, assemblato nel luglio 2015 lungo il confine tra Serbia e Ungheria, è stato costruito appositamente per respingere i migranti in transito nei Balcani. Alto 3,5 metri, si estende per 175 chilometri (Subotica, agosto 2018) // Matthias Canapini
  • Bihac-1.0.jpg
    Foto: Manifestazione cittadina nata per protestare contro il pessimo coordinamento dei fondi europei dati alla Bosnia per gestire i flussi migratori (Bihac, agosto 2018) // Matthias Canapini
  • Bihac.jpg
    Foto: Hassan, 38 anni, racconta di essere stato picchiato dai poliziotti croati di guardia al confine. Nella fuga precipitosa è caduto a terra rompendosi il braccio sinistro in due punti (Bihac, agosto 2018) // Matthias Canapini
  • Bilal.jpg
    Foto: Bilal, un ragazzo pakistano di 27 anni, cucina il pranzo all'ultimo piano del Dom (Bihac, agosto 2018) // Matthias Canapini
  • Dom.jpg
    Foto: La scarsa attenzione e gestione dei flussi migratori ha portato la municipalità di Bihac a relegare - fino a settembre scorso - centinaia di profughi e migranti di passaggio in una vecchia casa della gioventù ormai fatiscente, chiamata Đački Dom (Bihac, agosto 2018) // Matthias Canapini
  • Grecia-1.0.jpg
    Foto: Quotidianità all'interno del campo profughi di Viachori (Grecia, agosto 2018) // Matthias Canapini
  • Grecia.jpg
    Foto: Veduta notturna del campo profughi di Viachori, allestito per i profughi di passaggio - in maggioranza siriani, curdi e afgani - provenienti dalla Turchia via terra (Grecia, agosto 2018) // Matthias Canapini
  • Serbia.jpg
    Foto: Bambini in attesa dei documenti che attestino lo status di rifugiati, giocano all'interno del campo di Bogovadja sostenuto da Ipsia, Ong delle Acli (Bogovadja, agosto 2018) // Matthias Canapini

La costruzione del muro di Orbán, una barriera di filo spinato alta 3,5 metri e lunga 175 chilometri, tiene lontani i migranti dalla Serbia.

Leggi tutto

Accoglienza Capitale

in Fotoreportage di
  • 03Pulizia-Danni-del-vento03.jpg
  • 01La-tenda-di-Omar-danneggiata-dal-vento.jpg
  • 02Danni-del-vento01.jpg
  • 02Danni-del-vento03.jpg
  • 03Pulizia-Danni-del-vento01.jpg
  • 03Pulizia-Danni-del-vento02.jpg
  • 04Amir01.jpg
  • 04Amir02.jpg
  • 04Amir03.jpg
  • 05Youssef01.jpg
  • 05Youssef02.jpg
  • 05Youssef03.jpg
  • 05Youssef04.jpg
  • 06La-tenda-nuova-di-Omar01.jpg
  • 06La-tenda-nuova-di-Omar02.jpg
  • 07Nezar01.jpg
  • 08Khalil02.jpg
  • 09Ibrahim01.jpg
  • 10La-baracca-di-Addae01.jpg
  • 10La-baracca-di-Addae02.jpg
  • 10La-baracca-di-Addae04.jpg
  • 10La-baracca-di-Addae06.jpg
  • DSC_1664.jpg
  • DSC_1681.jpg
  • DSC_1682.jpg
  • DSC_1684.jpg
  • DSC_1685.jpg
  • DSC_1693.jpg
  • DSC_1695.jpg
  • DSC_1713.jpg
  • DSC_1720.jpg
  • DSC_1722.jpg
  • DSC_1731.jpg
  • DSC_1735.jpg
  • DSC_1738.jpg
  • DSC_1743.jpg
  • DSC_1745.jpg
  • DSC_1747.jpg
  • DSC_1749.jpg
  • DSC_1751.jpg
  • DSC_1755.jpg
  • DSC_1786.jpg
  • DSC_1791.jpg
  • DSC_1793.jpg

In una Roma scenario di aggressioni razziste e minacce di «bagni di sangue», c’è una realtà dove è stato abolito il razzismo, le frontiere, le differenze.

Leggi tutto

In marcia contro la devastazione

in Fotoreportage di
  • DSC_1428_1.jpg
  • DSC_1340.jpg
  • DSC_1345.jpg
  • DSC_1349.jpg
  • DSC_1353.jpg
  • DSC_1360.jpg
  • DSC_1372.jpg
  • DSC_1378.jpg
  • DSC_1380.jpg
  • DSC_1394.jpg
    Foto: Manifestazione #bastaimpianti Pignataro Maggiore, 28 ottobre 2018 // Pellegrino Tarantino
  • DSC_1400.jpg
  • DSC_1405.jpg
  • DSC_1419.jpg
  • DSC_1424.jpg
  • DSC_1429.jpg
  • DSC_1432.jpg
  • DSC_1433.jpg
  • DSC_1441.jpg
  • DSC_1459.jpg
  • DSC_1465.jpg
  • DSC_1472.jpg
  • DSC_1477.jpg
  • DSC_1486.jpg
  • DSC_1489.jpg
  • DSC_1497.jpg
  • DSC_1507.jpg
  • DSC_1513.jpg
  • DSC_1521.jpg
  • DSC_1588.jpg
  • DSC_1605.jpg

Domenica 28 ottobre a Pignataro Maggiore cittadini, associazioni e comitati hanno manifestato per chiedere la bonifica urgente del territorio.

Leggi tutto

Nuove testimonianze sulla corsa di Omar Jallow a Borgo Mezzanone

in Terre di migranti di
  • borgo-mezzanone_14102018_1.jpeg
    Secondo le testimonianze raccolte Omar si stava dirigendo verso l'uscita del ghetto a bordo della sua auto. Poco più avanti incrocia la pattuglia della Polstrada
  • borgo-mezzanone_14102018_2.jpeg
    L'auto di Omar è priva di assicurazione. Il ragazzo teme che gli venga sequestrata. Così, una volta avvistata la pattuglia della Polstrada, inverte la direzione di marcia e fugge verso l'interno della baraccopoli, sulla pista di Borgo Mezzanone.
  • borgo-mezzanone_14102018_3.jpeg
    Omar fugge a velocità sostenuta prontamente inseguito dai due agenti. Tenta di dirigersi su questa strada sterrata sita all'interno del ghetto. Nella concitazione, urta la baracca a destra.
  • borgo-mezzanone_14102018_4.jpeg
    La fuga di Omar si interrompe nei pressi di questa baracca in costruzione. Il ragazzo scende dall'auto ma viene prontamente inseguito e bloccato dagli agenti della Polstrada.
  • borgo-mezzanone_14102018_5.jpeg
    È tra questi cumuli di rifiuti che Omar viene gettato a terra da uno dei poliziotti per essere ammanettato.
  • borgo-mezzanone_14102018_6.jpeg
    La scena si sposta sull'asfalto della pista. Omar, ammanettato per una mano all'agente che lo ha fermato, viene trascinato verso l'auto d'ordinanza della Polstrada. A quel punto, secondo le testimonianze, c'è molta concitazione. Il ragazzo cerca di divincolarsi e il poliziotto lo getta nuovamente a terra. A questo punto l'agente lo ammanetta all'auto d'ordinanza. Ed è in questo momento che, secondo le testimonianze, nasce la protesta verbale. Alcuni ragazzi gridano: «Perché così, perché così! Non è un animale!»

La vicenda di Omar Jallow si tinge di giallo. Dopo il caos mediatico dei giorni scorsi spuntano nuove testimonianze che tengono aperte diverse ipotesi.

Leggi tutto

I figli di Riace



in Fotoreportage di

Il 6 ottobre una grande manifestazione ha animato le strade di Riace, dimostrando vicinanza e solidarietà al sindaco Mimmo Lucano.

Leggi tutto

Welcome Taranto. Contro ogni razzismo

in Terre di migranti di
  • Welcome-Taranto-12.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-11.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-13.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-20.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-27.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-33.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-26.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-32.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-25.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-31.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-24.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-30.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-23.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-29.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-22.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-28.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-21.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-14.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-15.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-16.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-17.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-18.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-19.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-10.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-9.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-8.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-7.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-1.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-3.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-5.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-2.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo
  • Welcome-Taranto-4.jpeg
    Foto: Welcome Taranto // Nicola Lanzo

Venerdì 31 agosto Taranto ha ospitato un grande corteo organizzato dal collettivo Welcome Taranto sui temi caldi dell’immigrazione e dell’accoglienza.

Leggi tutto

Terra e dissenso. Voci in movimento

in Fotoreportage di
  • IMG_1495-2.jpg
    Foto: No Muos // Matthias Canapini
  • IMG_1496-2.jpg
    Foto: No Muos // Matthias Canapini
  • Salento-1.0.jpg
    Foto: Salento // Matthias Canapini
  • Salento-2.0.jpg
    Foto: Salento // Matthias Canapini
  • Salento-3.0.jpg
    Foto: Salento // Matthias Canapini
  • Salento-4.0.jpg
    Foto: Salento // Matthias Canapini
  • Salento-6.0.jpg
    Foto: Salento // Matthias Canapini
  • Salento-7.0.jpg
    Foto: Salento // Matthias Canapini
  • Salento.jpg
    Foto: Salento // Matthias Canapini
  • Vajont-1.0.jpg
    Foto: Vajont // Matthias Canapini
  • Vajont.jpg
    Foto: Vajont // Matthias Canapini
  • Valsusa-1.0.jpg
    Foto: Valsusa // Matthias Canapini
  • Valsusa-2.0.jpg
    Foto: Valsusa // Matthias Canapini
  • Valsusa-3.0.jpg
    Foto: Valsusa // Mathias Canapini
  • Valsusa-5.0.jpg
    Foto: Valsusa // Matthias Canapini
  • Venezia-1.0.jpg
    Foto: Venezia // Matthias Canapini
  • Venezia.jpg
    Foto: Venezia // Mathias Canapini

Terra e dissenso è un reportage che non solo presenta le ragioni dei comitati, ma si propone anche di analizzarne gli aspetti sociali di contorno.

Leggi tutto

La «pacchia» mediterranea

in Fotoreportage di
  • WhatsApp-Image-2018-06-24-at-15.45.57.jpeg
    Foto: Vita dal campo vol. II. Baracche in legno, lamiera e cartone alle spalle dell'area nigeriana. Tra i rifiuti sventola una bandiera Usa
  • WhatsApp-Image-2018-06-24-at-15.31.16.jpeg
    Foto: Panoramica dall'esterno del ghetto di Borgo Mezzanone. Le prime baracche, in cemento, ci proiettano direttamente verso il cancello principale su cui campeggia la scritta "Every nigger is star"
  • WhatsApp-Image-2018-06-24-at-15.33.07.jpeg
    Foto: Vita dal campo vol.I: un ragazzo recupera la propria bicicletta per andare a lavoro. Sulla sinistra, due gatti si avvicinano guardinghi a un cumulo di rifiuti dato alle fiamme
  • WhatsApp-Image-2018-06-24-at-15.34.34.jpeg
    Foto: Baracche in costruzione a ridosso del Cara di Borgo Mezzanone. I numeri sono in continua crescita
  • WhatsApp-Image-2018-06-24-at-15.37.20.jpeg
    Foto: Nuova favela in cemento e mattoni in corso di realizzazione. Alle spalle, le baracche più povere. Sulla sinistra, la rete metallica del Cara
  • WhatsApp-Image-2018-06-24-at-15.40.17.jpeg
    Foto: L'area senegalese, tra le più povere del ghetto. In fondo una roulotte con targa bulgara
  • WhatsApp-Image-2018-06-24-at-15.43.01.jpeg
    Foto: Pannelli in legno o compensato, usurati dalla pioggia e dal sole. Le chiamano "case". Piccoli scorci di subumanità
  • WhatsApp-Image-2018-06-24-at-15.48.24.jpeg
    Foto: Nel nuovo "gran ghetto" di Puglia si procede come tra i vicoli di un inferno sulla terra. Ecco il volto sporco dell'accoglienza Made in Italy
  • WhatsApp-Image-2018-06-24-at-15.52.06.jpeg
    Foto: Viene chiamata la "grande casa". È una delle più antiche favela del campo. Oggi ci vivono stabilmente circa quindici persone
  • WhatsApp-Image-2018-06-24-at-15.57.00.jpeg
    Foto: Panoramica de "la pacchia". Un uomo attraversa le barriere del Cara e si introduce al suo interno. Sulla destra, in fondo, i militari all'interno della camionetta monitorano i flussi di persone che procedono indisturbati
  • WhatsApp-Image-2018-06-24-at-16.04.34.jpeg
    Foto: Carcasse di animali tra i rifiuti del ghetto. «Qui pure i cani vengono a morire», commenta amaro un giovane senegalese
  • WhatsApp-Image-2018-06-24-at-16.09.09.jpeg
    Foto: «Non era questo il mio sogno quando ho viaggiato per il deserto e per il mare. Ma poi sono venuto qua, dove pure i sogni hanno un prezzo.» Tra i cumuli di rifiuti, vaga un uomo con un carico d'acqua "trafugato" dal Cara. Davanti, una vita di stenti. Alle spalle, una speranza rubata
  • WhatsApp-Image-2018-06-24-at-16.12.02.jpeg
    Foto: Nuove baracche in costruzione dal lato esterno dell'ex pista di Borgo Mezzanone. Siamo a ridosso della Chiesa pentecostale, punto di snodo tra l'area anglofona e quella francofona
  • WhatsApp-Image-2018-06-24-at-16.15.09.jpeg
    Foto: I cumuli di rifiuti, spesso dati alle fiamme, si estendono a perdita d'occhio. Una montagna che malcela le nuove, poverissime baracche
  • WhatsApp-Image-2018-06-24-at-16.16.55.jpeg
    Foto: Vita dal campo vol.III: sulla strada principale della pista, piccoli scorci di vita quotidiana
  • WhatsApp-Image-2018-06-24-at-16.10.07.jpeg
    Foto: Una finestra sul mondo. Particolare di una baracca nell'area senegalese del ghetto

Immagini dal ghetto di Borgo Mezzanone: ecco come cresce, vive e si alimenta – tra l’indifferenza di Stato e media – la più grande baraccopoli d’Italia.

Leggi tutto

Abruzzo, idrocarburi nel fiume Pescara dal torrente Arolle

in Territori di
  • DSC_1944.jpg
  • DSC_1914.jpg
  • DSC_1911.jpg
  • DSC_1872.jpg
  • Arolle6.jpg
  • Arolle5.jpg
  • Arolle4.jpg
  • Arolle1.jpg
  • Arolle2.jpg
  • Arolle3diga.jpg

Copiose fuoriuscite di idrocarburi dal torrente Arolle, a Tocco da Casauria, continuano ad interessare il fiume Pescara. Significative le immagini della Soa.

Leggi tutto

‘sto gas di Tap

in Fotoreportage di
  • DSC_3869.jpg
  • DSC_3039.jpg
  • DSC_3043.jpg
  • DSC_3044.jpg
  • DSC_3051.jpg
  • DSC_3053.jpg
  • DSC_3056.jpg
  • DSC_3066.jpg
  • DSC_3068.jpg
  • DSC_3077.jpg
  • DSC_3082.jpg
  • DSC_3087.jpg
  • DSC_3095.jpg
  • DSC_3101.jpg
  • DSC_3104.jpg
  • DSC_3111.jpg
  • DSC_3128.jpg
  • DSC_3135.jpg
  • DSC_3138.jpg
  • DSC_3140.jpg
  • DSC_3143.jpg
  • DSC_3144.jpg
  • DSC_3152.jpg
  • DSC_3155.jpg
  • DSC_3157.jpg
  • DSC_3165.jpg
  • DSC_3177.jpg
  • DSC_3181.jpg
  • DSC_3185.jpg
  • DSC_3191.jpg
  • DSC_3193.jpg
  • DSC_3195.jpg
  • DSC_3204.jpg
  • DSC_3211.jpg
  • DSC_3217.jpg
  • DSC_3221.jpg
  • DSC_3222.jpg
  • DSC_3256.jpg
  • DSC_3263.jpg
  • DSC_3265.jpg
  • DSC_3273.jpg
  • DSC_3274.jpg
  • DSC_3278.jpg
  • DSC_3285.jpg
  • DSC_3293.jpg
  • DSC_3300.jpg
  • DSC_3306.jpg
  • DSC_3316.jpg
  • DSC_3317.jpg
  • DSC_3320.jpg
  • DSC_3321.jpg
  • DSC_3340_1.jpg
  • DSC_3325.jpg
  • DSC_3344.jpg
  • DSC_3353.jpg
  • DSC_3365.jpg
  • DSC_3408.jpg
  • DSC_3437.jpg
  • DSC_3439.jpg
  • DSC_3453.jpg
  • DSC_3461.jpg
  • DSC_3464.jpg
  • DSC_3467.jpg
  • DSC_3468.jpg
  • DSC_3474.jpg
  • DSC_3481.jpg
  • DSC_3488.jpg
  • DSC_3491.jpg
  • DSC_3492.jpg
  • DSC_3833_1.jpg
  • DSC_3378_1.jpg
    Foto: Ulivo secolare minacciato dal Tap // Pellegrino Tarantino
  • DSC_3389_1.jpg
    Foto: Veronica // Pellegrino Tarantino
  • DSC_3496.jpg
  • DSC_3505.jpg
  • DSC_3509.jpg
  • DSC_3520.jpg
  • DSC_3523.jpg
  • DSC_3526.jpg
  • DSC_3538.jpg
  • DSC_3552.jpg
  • DSC_3554.jpg
  • DSC_3557.jpg
  • DSC_3564.jpg
  • DSC_3577.jpg
  • DSC_3623.jpg
  • DSC_3692.jpg
  • DSC_3740.jpg
  • DSC_3746.jpg
  • DSC_3751.jpg
  • DSC_3767.jpg
    Foto: No Tap // Pellegrino Tarantino
  • DSC_3771.jpg
    Foto: No Tap // Pellegrino Tarantino
  • DSC_3776.jpg
  • DSC_3777.jpg
  • DSC_3781.jpg
  • DSC_3787.jpg
    Foto: No Tap // Pellegrino Tarantino
  • DSC_3790.jpg
  • DSC_3793.jpg
  • DSC_3796.jpg
  • DSC_3799.jpg
    Foto: Il cantiere Tap // Pellegrino Tarantino
  • DSC_3817.jpg
  • DSC_3825.jpg
  • DSC_3844.jpg
  • DSC_3847.jpg
  • DSC_3853.jpg
    Foto: Tap, comunità e ulivi // Pellegrino Tarantino
  • DSC_3861.jpg
  • DSC_3951.jpg
  • DSC_3924_1.jpg

Viaggio a Melendugno, in provincia di Lecce, dove dovrebbe arrivare il gasdotto Tap, tra gli ulivi secolari, in un lembo di Puglia ricco di storia e tradizioni.

Leggi tutto

Da Grottaglie: “Ora basta discarica!”

in Rifiuti connection di
  • IMG_7633.jpg
  • IMG_7598.jpg
  • IMG_7584.jpg
  • IMG_7626.jpg
  • IMG_7639.jpg
  • IMG_7623.jpg
  • IMG_7615.jpg
  • IMG_7640.jpg
  • IMG_7614.jpg

In provincia di Taranto, numerose associazioni e tanti cittadini ed amministratori locali si oppongono all’ampliamento della discarica di località La Torre Caprarica. E lo hanno fatto con una grande manifestazione per le vie della città.

Leggi tutto

Torna su